A tutta per 10 chilometri

A tutta per 10 chilometri

- in CONSIGLIATI, TRAINING
699
0
Fonte immagine: http://www.runningforfitness.org/book/chapter-11-races/racing-10kmFonte immagine: http://www.runningforfitness.org/book/chapter-11-races/racing-10km

Per chi ha iniziato a correre da non molto tempo, potrebbe essere una sfida interessante provare a correre a tutta per 10 chilometri: ecco come prepararsi

Porsi degli obiettivi e dei traguardi da raggiungere è un aspetto che riguarda molti podisti che vivono il running non come semplice attività fisica ma come un modo per mettere alla prova se stessi; e una sfida interessante, una sorta di spartiacque per chi ha approcciato la corsa da poco tempo, è provare a correre al massimo delle proprie possibilità sulla distanza di 10 chilometri. Impegnativo? Difficile? È proprio questo il senso della sfida, misurare i propri limiti e lavorare per superarli.

Come ci si prepara per correre a tutta per 10 chilometri? Due mesi di allenamento – con due sessioni settimanali – sono sufficienti per farsi trovare pronti, con un occhio al cronometro: i runner più esperti possono provare a correre questa distanza con un tempo inferiore ai 50 minuti, invece quelli alle prime armi possono “accontentarsi” di impiegarci poco più di un’ora. Gli allenamenti settimanali saranno basati su tre diversi livelli di intensità.

ACP78-750x500

Corsa lunga a ritmo moderato, che dia la possibilità di conversare senza problemi, a ritmo medio – in cui parlare risulta più complicato – e a ritmo elevato, vale a dire la massima andatura che si riesce a mantenere evitando di scomporsi e avendo sempre il pieno controllo sul proprio gesto atletico. Questi sono i tre livelli di intensità su cui basare il proprio piano di allenamento durante le otto settimane di preparazione alla prova sui 10 chilometri.

Nei giorni che precedono la dieci chilometri è consigliato staccare concedendosi un po’ di riposo o al massimo uscite brevi da 20-30 minuti a ritmo blando. Per quanto riguarda la prova, sarà fondamentale impostare un buon ritmo ma non troppo alto all’inizio – per evitare di arrivare fiaccati alla conclusione – tenendosi qualche risorsa da spendere nel finale per alzare l’andatura e chiudere in crescendo, perché solo così la prova potrà dirsi davvero superata.

 

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Running: come comportarsi dopo il parto

Il rapporto fra corsa – e attività fisica