Accorgimenti e consigli utili per la corsa serale al buio

Accorgimenti e consigli utili per la corsa serale al buio

- in CONSIGLIATI, RUNNING
445
0
Fonte immagine: http://womensrunning.competitor.com/2016/01/just-for-fun/the-bright-side-of-running-in-the-dark_53418#iELL4r3q0wxlezP4.97

Con la primavera le ore di luce aumentano, tuttavia per tanti runner la corsa serale resta la soluzione preferita: ecco in che modo affrontarla al meglio

La stagione primaverile è quella preferita dai runner, poiché le giornate si allungano e si hanno a disposizione più ore di luce per poter correre, senza però che le temperature siano troppo elevate. Tuttavia molti runner optano lo stesso per la corsa serale, con poca luce o al buio, che fra qualche settimana diventerà la soluzione più indicata, viste le alte temperature durante il giorno che l’estate porterà con sé. Vediamo quindi accorgimenti e consigli da seguire per affrontare al meglio la corsa con poca luce.

Il primo suggerimento ha a che fare con l’attenzione: quando si corre al buio le “antenne” devono essere sempre ben dritte, perché con scarsa visibilità le insidie sono sempre in agguato; una buca o un avvallamento sulla superficie stradale, un veicolo che non si accorge della presenza di una o più persone che corrono… insomma, bisogna stare più all’erta se si corre in strada o in aree non pedonali. Per le stesse ragioni è necessario fare in modo di essere visibili.

nike-running-dark-collection-1

In che modo un runner può aumentare la propria visibilità? Con una luce portatile, da indossare sul capo oppure da mettere al braccio, così da poter essere individuato già da una certa distanza e segnalare la propria presenza. Questo accorgimento, naturalmente, ha senso se si corre in aree non illuminate, mentre se sono presenti lampioni o altre fonti di luce non ce ne sarà bisogno. Le luciindossabili” possono essere fisse o ad intermittenza, con lieve preferenza per le seconde poiché più funzionali.

Nella corsa serale ha grande importanza l’abbigliamento: meglio optare per indumenti facilmente visibili, colorati (da evitare quindi grigio e nero) e dotati di inserti catarifrangenti che aumentano la possibilità di essere visti anche da lontano. Nei casi di scarsa visibilità, vanno evitati i sentieri sterrati o che presentano irregolarità poiché più insidiosi, e preferire invece le superfici piatte e lineari, decisamente meno pericolose per chi corre.

 

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Dolci da runner: la cheesecake al… cannolo!

Il regime alimentare di un atleta prevede pure