Alcuni suggerimenti per riuscire a correre più veloci

Alcuni suggerimenti per riuscire a correre più veloci

- in CONSIGLIATI, TRAINING
377
0
Fonte immagine: https://www.nytimes.com/2016/12/14/well/move/running-as-the-thinking-persons-sport.html

Una buona fetta di runner è in cerca di trucchi per riuscire a correre più velocemente: non esistono segreti, ma alcuni suggerimenti possono essere utili

Correre più rapidamente è il desiderio di numerosi runner, in particolare quelli che prendono parte a gare e non riescono ad essere competitivi come vorrebbero. Innanzitutto bisogna precisare che non esistono trucchi e segreti capaci di far correre più rapidamente: ciò che permette di migliorare è il lavoro costante, soprattutto su quegli aspetti che vengono spesso trascurati dai podisti poiché non ritenuti importanti. Si tratta di un errore piuttosto comune.

Se si vuole andare più veloce, bisogna pensare al proprio corpo come ad una macchina, in cui tutte le componenti devono essere al massimo dell’efficienza; avere gomme nuovissime e all’ultima moda (leggasi scarpe) può incrementare tutt’al più la tenuta di strada, ma non permetterà di andare più veloci. Un runner non deve concentrarsi solamente sulle proprie gambe, ma avere cura dell’intero fisico poiché da esso dipendono le prestazioni sportive.

Il primo aspetto di cui bisogna tener conto è la postura, a partire dal busto che deve essere lievemente inclinato in avanti quando si corre. Spalle dritte, dunque, e non spinte all’indietro oppure in avanti, e inoltre ben aperte, per favorire al meglio la respirazione. Ugualmente dritta deve restare la testa, non ciondolante oppure inclinata come si vede fin troppo spesso in giro. Nell’equilibrio complessivo dei movimenti hanno grande importanza le braccia, che molti runner considerano “inutili” ai fini della corsa.

In realtà sono fondamentali per un corretto bilanciamento del gesto atletico e vanno tenute piegate a 90 gradi, senza staccarle eccessivamente dal corpo mentre si corre. Il loro movimento dev’essere il più fluido possibile e deve accompagnare la corsa in maniera naturale. Dopo aver “sistemato” la parte superiore del corpo, è il momento di concentrarsi sulle gambe e più nel dettaglio sulla falcata; è assolutamente da evitare una falcata troppo ampia, in quanto per nulla funzionale e pericolosa.

I passi devono essere corti, frequenti e rapidi: solo in questo modo si può pensare di incrementare la propria velocità. Non bisogna atterrare pesantemente sul terreno, come avviene con una falcata troppo ampia, poiché in questo modo si rallenta, mentre il piede deve stare a contatto con il suolo per il minor tempo possibile e la maniera migliore per farlo è con una frequenza di corsa elevata, dunque falcate contenute. Una falcata corretta è quella in cui il piede appoggia al terreno esattamente sotto il ginocchio.

Una corsa adeguata e funzionale prevede un appoggio con l’avampiede e passi brevi, per capire meglio basta guardare come corrono i runner di alto livello, che in certi casi raggiungono anche i 180 passi al minuto. L’allenamento più indicato per migliorare le performance si basa sulle ripetute, che consentono di allenare la velocità e la resistenza ad una velocità superiore, dando nel tempo la possibilità di correre più rapidamente.

Accanto alle ripetute, un altro valido allenamento che ha come obiettivo quello di sviluppare la velocità prevede le variazioni di dislivello, ovvero percorsi con salite e discese, grazie ai quali è possibile non soltanto lavorare sulla velocità ma anche sulla forza. Un allenamento vario è inoltre uno dei principali “trucchi” per ottenere miglioramenti, quindi inserire all’interno del proprio programma cross training, interval training e fartlek è senza dubbio una buona idea.

Infine un occhio di riguardo meritano i muscoli impegnati nella corsa e non soltanto quelli delle gambe: ecco perché sempre più spesso si consiglia di lavorare sulla core stability, come fanno del resto pure gli atleti professionisti, affinché il fisico sia in grado di supportare al meglio gli sforzi della corsa, più intensi nel caso di chi punta ad andare più veloce. Come si può vedere, nessun trucco: solo lavoro costante su tutto il fisico, poiché quando si pratica running è il corpo intero a correre e non soltanto le gambe.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Trail: 10 consigli per correre in discesa più velocemente

Nelle gare di trail che comportano lunghi tratti