Alla scoperta del duathlon

Alla scoperta del duathlon

- in CONSIGLIATI, TRIATHLON
8812
0

Il duathlon viene considerato una variante del triathlon, poiché a quest’ultimo si ispira per il suo format: tre frazioni che prevedono una gara in bicicletta e due di corsa, manca dunque la frazione di nuoto prevista invece nel triathlon. Le tre diverse gare – la prima di corsa, la seconda di ciclismo e la terza di nuovo di corsa – si svolgono una di seguito all’altra, senza interruzioni. A gestire le competizioni di duathlon a livello internazionale è la ITU, “International Triathlon Union“, a testimonianza della “vicinanza” fra le due discipline.

Accanto alla versione classica del duathlon esiste anche il duathlon off road, che prevede sia per le frazioni di corsa che per quella di ciclismo dei percorsi sterrati. Le competizioni di corsa sono infatti gare di trail running, mentre quella in bici si svolge su mountain bike. In ambito internazionale, la competizione più celebre di duathlon è il “Powerman Zofingen“, che si tiene in Svizzera a cadenza annuale da 25 anni. La gara è composta da una frazione di corsa di 10 chilometri, una in bici di 150 chilometri che si disputa in un anello di 50 chilometri da ripetere tre volte con arrivo sulla difficile ascesa di Bodemburg, e un’altra frazione di corsa differente dalla precedente.

La distanza, infatti, sale a 30 chilometri e varia anche il percorso, che prevede un maggior numero di salite rispetto alla prima frazione. Questo rende il “Poweman Zofingen” la competizione più dura al mondo a detta di molti atleti che hanno preso parte anche all’Ironman Hawaii, la gara di triathlon più impegnativa nel calendario internazionale. Come per il triathlon, anche nel duathlon esistono prove su differenti distanze, per consentire a chiunque di potersi avvicinare a questo sport che unisce due diverse discipline e che richiede un’elevata resistenza.

Considerando solo le versioni tradizionali – dunque senza tenere conto delle competizioni più “extreme” come il “Poweman Zofingen” – la gara che si disputa su distanze maggiori è il duathlon lungo, che mette insieme una frazione di corsa di 20 chilometri, una di ciclismo di 80 chilometri e una seconda frazione podistica più breve (dimezzata rispetto alla prima) di 10 chilometri. Il duathlon classico prevede invece la prima frazione di corsa su una lunghezza di 10 chilometri, la prova ciclistica su un percorso di 40 chilometri e la gara podistica conclusiva di 5 chilometri.

La versione di duathlon corto si basa su distanze ancora inferiori: 7 chilometri per la prima prova di corsa, 30 chilometri per la gara ciclistica e 3 chilometri per la seconda frazione di corsa. Quasi identiche le distanze per il duathlon corto Mtb, in cui cambia solo la frazione in bici da disputare su una distanza di 20 chilometri su terreno sterrato. Il duathlon sprint si articola su 5 chilometri per la prima gara di corsa, 20 chilometri per la corsa in bici e 2500 metri per la seconda prova podistica.

Nella versione sprint Mtb gli atleti gareggiano su 3 chilometri per la prima prova di corsa, poi percorrono 14 chilometri in bici e altri 1500 metri di corsa, il tutto su superfici sterrate. Le distanze sono identiche per il duathlon super sprint sia nella versione classica che in quella Mtb: 2500 metri per la prima frazione di corsa, 10 chilometri in bici e 1 chilometro per la seconda gara podistica. Infine abbiamo il “duathlon distanza Youth” e il Miniduathlon, così composti: il primo mette insieme 2 chilometri di corsa, 8 chilometri di ciclismo e 1 chilometro di corsa, mentre il secondo prevede 1500 metri per la prima prova di corsa, 6 chilometri per la gara in bici e ulteriori 800 metri per la seconda gara podistica.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

You may also like

Incrementare la velocità con il giusto allenamento

Incrementare la propria velocità è il primo desiderio