Castagne: ecco tutti i benefici, le proprietà e le controindicazioni

Castagne: ecco tutti i benefici, le proprietà e le controindicazioni

- in CONSIGLIATI, NUTRIZIONE
426
0
Fonte immagine: http://www.blitzquotidiano.it

L’autunno è la stagione delle castagne, frutto apprezzato per la sua dolcezza: vediamo quali sono i benefici che assicura, proprietà e controindicazioni

La castagna è il tipico frutto dell’autunno e grazie al suo contenuto di sali minerali, vitamine, zuccheri, proteine e grassi è un alimento che assicura numerosi benefici all’organismo. È composta per il 50% da acqua, mentre nella percentuale restante si trovano proteine, carboidrati, grassi e fibre, a cui si aggiungono – come detto – i sali minerali. Si tratta di un frutto che aiuta i muscoli nel loro lavoro in quanto è ricco di potassio ed è utile ai tessuti nervosi per via della presenza di fosforo

Inserendo le castagne nella propria dieta è possibile rafforzare le ossa grazie al loro contenuto di calcio, mentre il magnesio svolge la funzione di equilibratore per l’umore. Gli altri sali minerali presenti in questo frutto sono zolfo, ferro, sodio, manganese, rame e zinco. Può essere considerato a tutti gli effetti un integratore energetico naturale, utile per combattere la sensazione di affaticamento e stanchezza sia fisica che mentale.

A livello di apporto calorico, un etto di castagne è paragonabile ad un piatto di pasta, con la differenza che possono essere mangiate anche da chi è celiaco in quanto non contengono glutine. Sono indicate in particolare per chi fa sport, poiché in grado di stimolare la circolazione del sangue e agevolano, grazie alla presenza del potassio, il lavoro dei muscoli. Vengono inoltre consigliate in caso di dolori di natura reumatica e stati febbrili in quanto capaci di velocizzare il processo di guarigione poiché vantano proprietà antinfiammatorie.

I benefici garantiti dalle castagne sono numerosi, tuttavia il loro consumo può avere delle controindicazioni: si tratta di un frutto di non semplice digestione, poiché ricco di amido, e dev’essere evitato da coloro che soffrono di diabete, obesità, aerofagia, malattie legate al fegato e colite. Sono sconsigliate anche a chi deve seguire una dieta ipoglicemica, in quanto nel corso della cottura gli amidi in essa presenti si trasformano in buona parte in zuccheri semplici.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Com’è il tuo appoggio?

Affinché sia funzionale, l’appoggio dev’essere corretto a livello