Come comprendere fino in fondo il proprio corpo

Come comprendere fino in fondo il proprio corpo

- in CONSIGLIATI, TRAINING
141
0
allenamento

Per effettuare sessioni di allenamento di qualità, bisogna saper comprendere il proprio corpo. In alcuni casi, non fidarsi delle moderne tecnologie può essere utile.

L’attività fisica e l’allenamento sono due cose serie, è inutile nascondersi. La gestione del corpo umano è tutta determinata da un insieme di sensazioni che devono essere colte al volo. Il cosiddetto Test del Moribondo può dare una grossa mano in questo senso. Scopriamo di cosa si tratta, e più in generale vediamo cosa fare per comprendere il proprio corpo.

Il Test del Moribondo

Chi sceglie di mettersi alla prova nel Test del Moribondo manifesta tutta l’intenzione di verificare i propri limiti dal punto di vista prestazionale. L’obiettivo è quello di riuscire a percorrere la bellezza di 10 chilometri in un’ora. Una missione per nulla scontata, che in molti casi segna una profonda differenza tra un buon fondista e un semplice amatore che si muove soltanto per divertirsi. Bisogna armarsi di un cronometro e di un sensore GPS per misurare il chilometraggio esatto percorso. Eppure, il noto sistema satellitare non è fedele al 100%. Di conseguenza, può capitare di effettuare un tragitto minore rispetto a quello rilevato. 

Corpo

Le sensazioni del proprio corpo

Quando ci si rende conto che il Test potrebbe aver prodotto un risultato poco veritiero? Quando si riescono a raggiungere risultati mai neanche intravisti prima, bisogna iniziare a porsi qualche dubbio. Se si migliorano le prestazioni in maniera sensibile senza alcuno sforzo apparente, qualcosa di strano dovrebbe iniziare ad esserci. Nella maggior parte dei casi, un atleta va a correre con la musica nelle orecchie, utilizzando un paio di auricolari che possono persino variare la percezione della fatica. In alcune circostanze, per capire il proprio corpo, sarebbe meglio ascoltare soltanto il proprio respiro e rendersi conto in tempo reale della frequenza cardiaca

La dubbia attendibilità del GPS

A tutto questo bisogna aggiungere che il sistema di rilevamento GPS non è ancora attendibile in maniera perfetta. Un dispositivo elettronico del genere può nascondere qualche contraddizione. I valori anomali possono essere dietro l’angolo e vanno valutati con le pinze. Di conseguenza, è altamente consigliabile iniziare ad ascoltare le sensazioni, ponendo in secondo piano i dati che scaturiscono da un test che implica l’utilizzo delle moderne tecnologie. Riscoprire se stessi e concentrarsi sul proprio gesto atletico possono rappresentare il metodo giusto per una sessione di allenamento che possa condurre autentici benefici alla propria forma fisica.

 

 

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Come riprendere a correre più forti di prima dopo una lunga pausa

Non lasciamoci abbattere da uno stop prolungato: ecco