Conoscere muscoli e articolazioni

Conoscere muscoli e articolazioni

- in CONSIGLIATI, RUNNING
513
0

Gli atleti di livello amatoriale e i professionisti sono sempre molto preparati su tutto quello che serve per allenarsi al meglio, a seconda dello sport che praticano.

Dalle tabelle di allenamento all’alimentazione, dai migliori integratori fino all’abbigliamento tecnico più appropriato, gli atleti di ogni livello si aggiornano e seguono tutte le novità del mercato e delle metodologie di allenamento. Non sempre, invece, sono preparati sull’anatomia, non sempre conoscono i nomi e le funzioni di muscoli e delle articolazioni, almeno fino a quando non si infortunano, e quindi sentono la necessità di informarsi al meglio anche su questi argomenti per comprendere cosa è successo al loro corpo.

Muscoli ed articolazioni, invece, andrebbero conosciuti al meglio, per comprendere da subito eventuali fastidi ad essi collegati, prima che si trasformino in dolori o che si verifichino traumi importanti. Un runner, ad esempio, dovrebbe riconoscere la differenza tra dolori muscolari o articolari, anche per comprendere al meglio quali terapie adottare, se un semplice periodo di riposo, o se intervenire con terapie mediche da scegliere seguendo le prescrizioni di un professionista. La conoscenza dei propri muscoli, inoltre, permette anche di riconoscere un eventuale affaticamento, permettendo all’atleta di fermarsi prima che il fastidio e l’affaticamento possano condurre a problematiche più gravi, tra cui soprattutto strappi muscolari o fratture, queste ultime in particolare alle articolazioni dei piedi, ossia alle caviglie. In molti casi, invece, nonostante le precauzioni, gli strappi e le lesioni arrivano inaspettate, durante uno sforzo massimale, soprattutto in gara. Come è successo al triplista italiano Daniele Greco agli europei di Zurigo.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Dolci da runner: la cheesecake al… cannolo!

Il regime alimentare di un atleta prevede pure