Conoscere se stessi a 360 gradi

Conoscere se stessi a 360 gradi

- in CONSIGLIATI, RUNNING
324
0
Fonte immagine: https://rootsrated.com/stories/qa-with-ultra-runner-amanda-tichacek

La conoscenza di sé è un elemento fondamentale per un atleta: per questo è importante saper leggere i segnali che il fisico ci invia. Ecco in che modo

Nello sport gran parte dei risultati e degli obiettivi che un atleta riesce a raggiungere dipendono dalla conoscenza che si ha di se stessi, non solo a livello mentale o per quanto riguarda le caratteristiche, ma anche in relazione al proprio corpo e alle sue reazioni. Il fisico invia vari segnali che bisogna saper leggere ed interpretare nella maniera corretta, in modo tale da potersi esprimere al meglio quando si svolge attività fisica. I runner più esperti e navigati possono dire di conoscersi a fondo, mentre quelli che hanno approcciato da poco la corsa potrebbero aver bisogno di qualche consiglio utile.

Fra gli aspetti che un atleta non deve mai prendere sotto gamba c’è l’idratazione, che dev’essere sempre adeguata. Come fare a capire se si è idratati correttamente? Dal colore delle urine: se si presentano scure e con un odore pungente, allora l’idratazione è insufficiente e occorre bere di più nell’arco della giornata, in particolare in estate, quando le temperature sono più alte e si suda maggiormente. Durante l’allenamento, bisogna bere prima di avvertire la sete, poiché in quel caso si è già disidratati e la prestazione ne risentirà negativamente.

arun1-1014x487

Nelle sedute di allenamento che superano i 45 minuti è indispensabile bere regolarmente acqua, magari integrando anche i sali minerali. Negli allenamenti superiori a 75 minuti, oltre a bere è necessario anche alimentarsi, affinché non vengano intaccate le riserve di glicogeno dei muscoli. Dopo una sessione di 60 minuti, invece, è opportuno provvedere al recupero non appena si termina l’allenamento, per reintegrare quanto perso durante l’attività fisica.

I 30 minuti che seguono la fine dello sforzo sono il momento ideale per il recupero nutrizionale, alimentandosi e bevendo con l’obiettivo di ripristinare le fibre muscolari e riequilibrare il bilancio idro-salino che è andato a modificarsi durante la seduta di running. Un pasto ricco di carboidrati è ciò che serve in questa delicata fase post-corsa, dalla quale dipende in modo decisivo il recupero, affinché sia corretto e soprattutto più rapido.

Una vita di corsa
List Price:EUR 0,49
Price Disclaimer

 

 

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Come aumentare il fiato… senza correre!

È possibile aumentare il fiato senza correre? La