Correre quando fa caldo: gli accorgimenti necessari

Correre quando fa caldo: gli accorgimenti necessari

- in CONSIGLIATI, RUNNING
370
0
Fonte immagine: https://www.ten.co.uk/top-ten-tips-for-running-this-summer/

L’estate è ormai esplosa e correre con le alte temperature è difficile, oltre che rischioso: vediamo quali sono gli accorgimenti necessari contro l’afa

Chi ama correre non si ferma mai, neppure durante le calde giornate estive: il running con le alte temperature tipiche di questa stagione, però, richiede degli accorgimenti particolari per contrastare l’afa, in quanto correre con il caldo non è solo più difficile, ma anche pericoloso per l’organismo. Nei giorni di maggior calura, un allenamento rischia di trasformarsi in una tortura, e questo è senz’altro da evitare con delle mosse semplici, ma che non tutti i runner applicano.

La più semplice consiste nell’evitare le ore più calde della giornata per correre, scegliendo la mattina presto oppure la sera dopo il tramonto, quando non c’è più il sole a scaldare l’aria. Se si corre prima del tramonto, optare per parchi o zone con molte aree in ombra, per ripararsi dal sole e soffrire meno il caldo. Da evitare anche l’asfalto, che restituisce il calore e fa impennare le temperature: decisamente meglio gli sterrati il cui fondo è regolare.

Runner resting in urban park

Per ovvie ragioni, l’abbigliamento dev’essere il più leggero possibile: un paio di calzoncini e una maglietta sono sufficienti e permettono una giusta traspirazione, favorendo l’eliminazione del calore da parte del corpo. Prima di iniziare la seduta è necessario idratarsi adeguatamente, bevendo mezzo litro d’acqua nel corso dei 60 minuti che precedono l’allenamento. Altrettanto importante è idratarsi durante la corsa, quindi sarebbe opportuno studiare un percorso in cui siano presenti delle fontanelle.

Oltre a bere, si può approfittare per rinfrescarsi un po’ e sentire così meno il caldo. Una doccia con acqua fredda prima di cominciare l’allenamento può essere utile per ritardare il surriscaldamento dell’organismo quando poi si inizierà a correre. Infine, in caso di temporale imprevisto, non bisogna lasciarsi sfuggire l’occasione e approfittare del fresco che si crea dopo lo scroscio d’acqua: modificare i piani per correre dopo un acquazzone permetterà di godere di un po’ di frescura inattesa per il proprio allenamento.

 

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Hai poco tempo per correre? Ecco tre tabelle di allenamento per restare in forma

Per i runners che non vogliono rinunciare mai