Corsa: come diventare più veloci con l’allenamento di sempre

Corsa: come diventare più veloci con l’allenamento di sempre

- in CONSIGLIATI, TRAINING
512
0

I segreti per diventare più veloci nella corsa e arrivare ai massimi livelli utilizzando lo stesso allenamento di sempre e senza fare uso di sostanze dopanti.

Quando si avvicina una gara di corsa oppure una competizione atletica in cui si deve dimostrare di avere le ali ai piedi, una delle prime domande che ci si pone è quella riguardante la velocità: si può correre più velocemente senza ammazzarsi di allenamento?
La risposta è sì: si può diventare più veloci nella corsa e arrivare anche ai massimi livelli utilizzando lo stesso allenamento di tutti i giorni, ma senza fare uso di sostanze dopanti e proibite.
Questo risultato lo si può ottenere grazie ad alcuni trucchi che vengono utilizzati anche dagli atleti professionisti per preparare la maratona oppure le gare di atletica che di solito vediamo in televisione.

Run Friends 580

Una delle prime difficoltà che ci si ritrova ad affrontare nel contesto di una gara sono le migliaia di persone che si trovano sulla pista, oppure sulla strada, che provocano rallentamenti, soprattutto al momento dello start.
Un percorso libero da ostacoli, a meno di non far parte dei professionisti di élite, è praticamente impossibile da vedere, ma questo non significa che dovrai sempre accontentarti delle ultime posizioni in classifica.
Esiste un modo che permette di accorciare il tragitto, rendendolo più breve: quello di tagliare le curve. La distanza da percorrere viene infatti misurata preventivamente dagli organizzatori proprio all’interno delle curve, quindi cerca di tagliarle il più possibile.

1e3d084cfa819ba0_run-workout-xxxlarge

Un’altra astuzia che puoi adottare, soprattutto se hai l’opportunità di scegliere i percorsi di gara, è quella di cercare di farne di più pianeggianti e in discesa possibili. Le strade in salita, per quanto possano essere allettanti per i runners che amano sfidare sé stessi, sono molto più faticose e tendono anche a stancare maggiormente le gambe.
Un altro fattore di cui bisogna tenere conto è la temperatura: dato che il sole e il caldo tendono ad abbassare le prestazioni anche del 20%, sarebbe preferibile evitare le gare che si svolgono in piena estate oppure in tarda primavera.
Da fine giugno fino ad inizio settembre quindi, a meno che tu non faccia parte di una squadra di atletica e tu non sia obbligato a fare una gara sotto il sole cocente, stai lontano dalla pista.

maxresdefault

Da ultimo, ma non meno importante, fai attenzione anche alla scelta delle scarpe. Se possibile, cerca di non badare troppo all’aspetto finanziario e di puntare invece su un modello di scarpe da running che possa assicurarti, oltre alla massima tenuta sulla pista oppure sulla strada, anche la giusta sicurezza per evitare di incorrere in spiacevoli incidenti come caviglie slogate o peggio.
Alcuni tipi di scarpe, per esempio, hanno all’interno dell’intersuola delle miscele particolari che sono in grado di aumentare la velocità dell’atleta e anche di farlo stancare di meno. Questi modelli, a differenza delle scarpe da ginnastica, costano molto di più, ma garantiscono anche prestazioni più elevate, una maggiore elasticità e una maggiore resistenza all’effetto rimbalzo.

 

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

You may also like

5 sessioni di allenamento in piscina

Per trovare la migliore condizione fisica, è necessario