Corsa: stare bene e vivere a lungo

Corsa: stare bene e vivere a lungo

- in CONSIGLIATI, WELLNESS
6903
0

Fare sport fa bene, ormai lo sappiamo tutti. Lo diciamo di continuo e lo ribadiamo con fermezza e in maniera scientifica in questo articolo, tanto per sottolinearlo ancora una volta.

I danni della sedentarietà sono ormai noti, al pari di quelli di una cattiva alimentazione e di cattive abitudini. Ma è bene concentrarsi sugli aspetti benefici dello sport, in particolare delle attività di tipo aerobico, come correre, nuotare, pedalare o anche solo camminare a passo svelto per un’ora piena alla settimana.

E’ provato che la corsa, così come le altre attività aerobiche, renda più intelligenti e felici, per tutti gli effetti positivi che esercita sui nostri ormoni e sulle nostre connessioni neuronali. Da un recente studio è stato inoltre provato che ci rende anche più longevi, oltre che in generale più sani.

Tra gli ormoni stimolati dall’attività aerobica c’è il cortisolo, un ormone prodotto dalle ghiandole surrenali, anche noto come “ormone dello stress“, che regola la reazione fisiologica del nostro organismo ai livelli di stress quotidiano. Il cortisolo si comporta come una sorta di risposta ormonale alle aggressioni esterne, e con i ritmi frenetici delle nostre vite, al giorno d’oggi, si attiva di continuo: ogni volta che siamo in ritardo, quando abbiamo qualche ansia sul lavoro, se litighiamo con il nostro partner o se siamo in ansia per questioni economiche. Più ci si ritrova in situazioni che ci generano ansia o nervosismo, più la produzione di cortisolo è sollecitata. Questo ormone, tra le sue mille proprietà, ha quella di ridurre il volume del timo.

Il timo è una ghiandola che esercita un ruolo fondamentale nella risposta immunitaria. E’ infatti preposto alla produzione, maturazione e selezione dei linfociti, meglio noti come globuli bianchi, la nostra barriera di difesa dai virus, dai batteri patogeni e dalle cellule cancerogene.
Va da sé che, minore è il volume del timo, minore sarà la produzione dei linfociti. Questo comporta una difficoltà nella risposta immunitaria che può rivelarsi talvolta molto pericolosa. Ecco perché le persone stressate si ammalano più spesso delle persone più serene. Ed ecco la buona notizia per chi pratica sport con regolarità: lo sforzo aerobico è dimostrato essere un regolatore naturale dei livelli di cortisolo.

Quando ci alleniamo con criterio, senza sovraccarico, gestendo bene i tempi di allenamento e quelli di recupero, praticando una corretta alimentazione, ricca di vitamine, minerali e sostanze antiossidanti, e riposando il giusto, i nostri livelli di cortisolo di conseguenza si abbassano. Questo significa: minore rischio di innalzamento dei livelli di stress, minore rischio di riduzione del volume del timo, e quindi aumentata risposta immunitaria. L’attività aerobica si rivela quindi uno scudo protettivo contro i malesseri stagionali, le infezioni batteriche e possibili attacchi pericolosi al sistema immunitario. Ecco perché chi pratica la corsa, ma anche la camminata, con regolarità e impegno, è più sano e vive più a lungo.

Questa analisi è stata effettuata dai ricercatori di diverse grandi università degli Stati Uniti e della Scandinavia, che hanno analizzato, in un arco di 14 anni, i dati relativi a sei diversi studi su una popolazione di circa 660.000 persone, tutte di età compresa tra i 21 e i 98 anni.
La conclusione dello studio, pubblicata sulla rivista medica internazionale JAMA Internal Medicine, ha stabilito che anche una camminata a passo svelto di mezz’ora al giorno è in grado di ridurre di un terzo il rischio di mortalità e di aumentare la qualità e la lunghezza della vita.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

You may also like

Dopo la corsa? Una bella birra!

Per dissetarsi al termine di una corsa o