Dieta del runner: alcuni consigli… fuori dagli schemi

Dieta del runner: alcuni consigli… fuori dagli schemi

- in CONSIGLIATI, NUTRIZIONE
878
0
Fonte immagine: http://www.gruppoy.it/7-consigli-per-dimagrire-velocemente/

L’alimentazione degli sportivi è profondamente cambiata nell’arco degli ultimi anni: vediamo alcuni consigli per la dieta del runner un po’ “particolari”

Scienza e medicina sono in continua evoluzione, soprattutto quando si parla di alimentazione: le regole che valevano fino a pochi anni fa oggi non vengono più seguite e sono state rimpiazzate da altre, poiché test e studi hanno mostrato una maggiore utilità per gli atleti. Ecco dunque alcuni consigli per la dieta del runner un po’ fuori dagli schemi, ma frutto di studi e ricerche condotte in ambito medico-sportivo, e dunque affidabili.

Chi svolge attività fisica per dimagrire, nel dopo-corsa dovrebbe assumere latte invece degli sports drink: il consiglio arriva dalla Gran Bretagna, dove uno studio ha messo a confronto due gruppi di runner; il primo ha bevuto dopo l’attività fisica mezzo litro di latte parzialmente scremato, l’altro bibite energetiche per un numero di calorie pari a quelle del mezzo litro di latte. Il gruppo che ha bevuto latte, nel pasto successivo assumeva il 10% di calorie in meno, grazie al senso di sazietà dato dalle proteine presenti nel latte.

A man diets and exercises from fat to fitness in before and after series

Il glutine, ultimamente demonizzato, non va invece escluso dal regime alimentare – ovviamente a patto di non essere celiaci – poiché non influisce né sulla salute né sulle performance: una ricerca canadese ha sottoposto per una settimana un gruppo di ciclisti ad una dieta priva di glutine, inserendo poi nel regime alimentare barrette energetiche sia con che senza glutine. Alla fine del test, non vi erano differenze fra gli atleti che avevano assunto barrette con glutine rispetto a coloro che avevano mangiato le barrette senza glutine, e le performance sono state le medesime.

Per dimagrire non bisogna ridurre le calorie: a pensarci bene è una teoria con un fondamento, perché per dimagrire è necessario bruciare più calorie di quelle che vengono assunte. Inoltre una ricerca della Appalachian State University ha mostrato che diminuendo l’assunzione di calorie si riduce il metabolismo basale, ovvero il numero di calorie che si bruciano a riposo. Il consiglio, dunque, è quello di aumentare l’attività fisica consumando un quantitativo adeguato di calorie, studiato con un dietologo in base alle proprie esigenze e all’interno di un regime alimentare completo e vario, senza “tagliindiscriminati effettuati nell’illusione di un dimagrimento più semplice e rapido.

 

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Allenamenti… alternativi per migliorare

Il miglioramento passa dalla costanza e dall’applicazione, ma