E’ giusto limitare le distanze gara per i giovani? Secondo Sutton no!

E’ giusto limitare le distanze gara per i giovani? Secondo Sutton no!

- in CONSIGLIATI, TRIATHLON
414
0

Uno dei temi di maggiore interesse riguardo al mondo giovanile è quello legato ai carichi di lavoro e alla possibilità di “bruciare” giovani atleti esagerando con le distanze gara.

Il famoso allenatore australiano Brett Sutton, contrariamente da quanto affermato da molti, sostiene che le distanze lunghe o comunque superiori a quelle “standard” per le categorie giovanili, non sono pericolose per il futuro agonistico degli atleti. A supportare la sua tesi il tecnico australiano ha portato gli esempi di diversi campioni, da Brad Beven che a 14 anni ha conquistato un podio assoluto in una gara no draft su distanza superiore all’olimpico, passando per Lessing, Spencer Smith, arrivando a Colucci che a 17 anni ha conquistato una top 10 nell’Ironman Brasile e il secondo  posto ad Embrun e adesso superati i 30 anni punta alla sua terza olimpiade. Insomma per Sutton non dovrebbero esserci limitazioni e “caricare” i giovani non porta all’abbandono precoce degli stessi o li “cuocia”.

 

 

http://www.triathlonmania.it/triathlon/e-giusto-limitare-le-distanze-per-i-giovani-secondo-sutton-no/#sthash.snVsLIVf.dpuf

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Dopo la corsa? Una bella birra!

Per dissetarsi al termine di una corsa o