E..state freschi: come mantenersi idratati durante il running

E..state freschi: come mantenersi idratati durante il running

- in CONSIGLIATI, WELLNESS
5345
0

Ci siamo: l’estate è finalmente giunta e le lunghe giornate consentono di allenarsi all’aria aperta. Per gli irriducibili della corsa anche ad alte temperature però è necessario ricordare che la sicurezza deve essere messa sempre al primo posto, ecco perché è importante mantenersi idratati ed abbassare la temperatura del corpo, in modo da evitare malori ed insolazioni. Vediamo quindi alcuni semplici consigli per termoregolarsi anche durante i mesi più caldi dell’anno.

La prima regola da tenere sempre a mente è semplice quanto essenziale: bere. E senza aspettare di percepire il senso di sete: quando arriva infatti significa che l’organismo ha perso già il 2% del peso corporeo in liquidi. È preferibile dunque bere con costanza, a piccoli sorsi, una media di un bicchiere d’acqua ogni ora. Se siete degli smemorati e poco avvezzi a bere potete affidarvi a dei promemoria oppure a delle app specifiche che monitorano la vostra idratazione e vi ricordano quando dissetarvi. Ricordatevi però che, in caso di sudorazione abbondante, la sola acqua non è sufficiente ma occorre anche reintegrare i sali minerali persi.

La bevanda ideale del runner deve contenere infatti una piccola percentuale di minerali quali cloro, magnesio, sodio e potassio ma anche carboidrati, in modo da non creare carenze in seguito alla corsa e per svuotare lo stomaco più rapidamente rispetto alla semplice acqua.
Per lo stesso motivo la temperatura ideale della bibita deve risultare inferiore ai 15 gradi, compresa fra i 9 e i 15, mai ghiacciata, poiché il freddo eccessivo potrebbe causare uno shock termico all’organismo e potrebbe causare crampi addominali e congestione. Una buona percentuale di micronutrienti però deve venire anche dall’alimentazione, ecco perché in estate è opportuno incrementare il consumo di verdura e frutta, naturalmente ricchi di vitamine e sali minerali.

Dal momento che la sudorazione e la conseguente perdita di liquidi comincia già dopo i primi minuti di corsa, è molto importante cominciare la sessione già ben idratati. Se correte di sera dunque cercate di bere un litro e mezzo d’acqua nel corso della giornata, in modo da arrivare “preparati” per il momento dell’allenamento. Se invece siete dei mattinieri l’ideale è bere mezz’ora prima della corsa 2 bicchieri d’acqua. È consigliabile inoltre scegliere dei percorsi che prevedano la possibilità di bere durante la corsa a intervalli di 2 o 3 chilometri. Se il tracciato non prevede però la presenza di fontanelle, durante il giro di riscaldamento potreste disseminare lungo il cammino qualche bottiglietta, magari nascosta all’ombra. Una volta terminata la sessione di corsa è bene bere a più riprese, anche nel caso in cui la sete non sia forte.

Bisogna prestare attenzione anche all’irraggiamento: l’organismo infatti può surriscaldarsi non soltanto con l’attività fisica ma anche a causa dei raggi solari e del calore sprigionato dall’ambiente, come l’asfalto. Per tale motivo è meglio trascorrere le ore che precedono la corsa in un ambiente fresco e dove non arrivino raggi solari diretti, in modo da cominciare la seduta d’allenamento con una temperatura corporea normale, non elevata.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

You may also like

Come aumentare il fiato… senza correre!

È possibile aumentare il fiato senza correre? La