I luoghi più suggestivi per il trail secondo Ryan Sandes

I luoghi più suggestivi per il trail secondo Ryan Sandes

- in CONSIGLIATI, TRAIL
931
0
Ryan Sandes

Per chi non lo sapesse, Ryan Sandes è un trail runner di grande fama ed esperienza: chi meglio di lui può consigliare i posti più suggestivi in cui correre?

Nato in Sudafrica, Ryan Sandes può vantare un primato invidiabile nel mondo del running: è stato infatti il primo atleta a vincere un’ultramaratona in tutti e cinque i Continenti. Questo significa che fra gare e allenamenti ha scoperto molti angoli del Pianeta sconosciuti ai più, dunque chi meglio di Ryan può dare indicazioni sui luoghi più suggestivi nei quali correre? Ecco quelli che, durante le sue avventurose sfide, gli sono rimasti più impressi o lo hanno lasciato senza… fiato!

La prima località è praticamente come casa per Sandes: il Thabana Ntlenyana, a Drakensberg, si trova infatti in Sudafrica e i sentieri di questa catena montuosa il buon Ryan li ha percorsi avanti e indietro più di una volta. Si tratta di un luogo isolato, remoto, nel quale per tantissimi chilometri non si incontra nessuno. Desolato ma meraviglioso: chi cerca una sensazione di libertà assoluta, qui la può trovare.

Il Parco Nazionale Torres del Paine, in Patagonia, è un altro dei luoghi che più ha colpito Ryan, in particolare per via dei suoi ghiacciai di colore azzurro. Una location splendida per correre ma anche piuttosto pericolosa perché ci si ritrova a fare i conti con la forza selvaggia della natura e nello specifico con i fortissimi venti che sferzano questa zona.

Nel deserto di Atacama, in Sudamerica, si disputa un’ultramaratona di 230 chilometri: le condizioni sono talmente estreme che è impossibile pensare di allenarsi in un luogo simile, una gara è più che sufficiente! L’aria è rarefatta e la temperatura si aggira sui 40 gradi eppure tutto intorno si possono ammirare fiumi gelati e montagne innevate. Il terreno è composto da blocchi di sale, che di tanto in tanto cedono: sprofondare con la gamba può rivelarsi molto doloroso – assicura Ryan – soprattutto in caso di ferite.

Il primato del luogo più pauroso va a Manaus, nella foresta Amazzonica, dove si corre la maratona della giungla, lunga 250 chilometri. I pericoli sono sempre dietro l’angolo, fra piante velenose e insetti di dimensioni impressionanti. La notte, poi, la giungla sembra quasi prendere vita e la paura impedisce di riposare come si dovrebbe… Un’esperienza estrema, ma che Ryan si dice fiero di aver vissuto e portato a termine. Questi sono i luoghi più suggestivi nei quali Sandes ha corso e che consiglia agli amanti del trail, in attesa di scoprirne di nuovi!

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

I dieci cibi alleati dei runners

La top ten degli alimenti chiari più preziosi