Inserire ripetute in allenamento: ecco come fare

Inserire ripetute in allenamento: ecco come fare

- in CONSIGLIATI, TRAINING
17548
0

Le ripetute in allenamento servono a migliorare la soglia anaerobica del runner, ma devono essere inserite nel modo giusto: ecco come bisogna agire

Con ogni probabilità anche i runners che si sono affacciati al mondo della corsa da poco sanno cosa sono le ripetute, tuttavia un ripassino non può che fare bene: si tratta di una tipologia di allenamento che consiste nell’alternare momenti di corsa a ritmo elevato ad altri di corsa lenta oppure di camminata (nel primo caso si parla di recupero attivo, mentre nel secondo di recupero passivo). La fase a ritmo blando è necessaria per ridurre la frequenza cardiaca dopo lo sforzo profuso nella corsa a ritmo sostenuto.

In base alle caratteristiche dell’allenamento che si sta svolgendo, cambia il tipo di ripetuta: si possono effettuare, infatti, in pianura oppure in salita e le distanze vengono calcolate a seconda del chilometraggio della corsa alla quale si vuole prendere parte. Le ripetute hanno l’obiettivo di migliorare la soglia anaerobica di un atleta, poiché ci si spinge per brevi periodi di tempo al di sopra di tale soglia in modo da abituare l’organismo a superarla, migliorando così anche le prestazioni.

Per le gare su distanze medio-brevi – ad esempio 5 e 10 chilometri – le ripetute andranno eseguite su distanze brevi e medie, mentre per le corse più lunghe (dalla mezza maratona in su) sono necessarie ripetute su distanze medie e lunghe, di solito a ritmi non troppo sostenuti. Nel caso della maratona, poi, le sedute di allenamento sono incentrate sul ritmo di gara e anche le ripetute tengono in considerazione questo valore come riferimento; i tratti a ritmo elevato saranno dunque di poco superiori al ritmo gara, quelli ad andatura blanda di poco inferiori.

Le ripetute brevi in genere non fanno parte delle sedute di allenamento dei maratoneti amatoriali poiché non hanno grande utilità, mentre vengono svolte dagli atleti professionisti perché possono rivelarsi preziose nei cambi di ritmo finali, quando serve aumentare l’andatura per poter cogliere un buon risultato.

In che modo si devono inserire le ripetute nell’allenamento? In genere è sufficiente effettuarle una o due volte alla settimana per ricavare dei benefici, tenendo conto naturalmente del proprio livello di preparazione e dell’abitudine a questo tipo di sforzo (utile anche a livello psicologico poiché incrementa la capacità di sopportare la fatica).

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Trail: 10 consigli per correre in discesa più velocemente

Nelle gare di trail che comportano lunghi tratti