La carica della musica durante la corsa: le canzoni più ascoltate…

La carica della musica durante la corsa: le canzoni più ascoltate…

- in CONSIGLIATI, WELLNESS
2358
0

Nella filosofia ‘runner’, correre è un’attività spesso svolta in solitudine, provando a migliorare se stessi e in competizione con i propri limiti. E’ anche questo il motivo per cui la musica è la naturale compagna per chi si allena, oltre che un incentivo a sconfiggere la fatica e mantenere un ritmo costante; secondo alcuni studi, inoltre, l’ascolto in cuffia migliorerebbe del 20% le performance. Ma quali sono i brani preferiti dai ‘runners’? Ecco alcune delle canzoni più ascoltate quando si corre.

img_101824358492179.jpeg

TRA HEAVY METAL E ‘SOUNDTRACK’ – Nella playlist del perfetto corridore non mancano mai pezzi che hanno fatto la storia del rock e dell’heavy metal o le colonne sonore di film celebri. Uno su tutti è ‘Born to run’ di Bruce Springsteen, vero inno dei ‘runners’, ma non vanno dimenticati ‘We will rock you’ dei Queen, ‘Thunderstruck’ degli Ac/Dc e ‘Eye of the tiger’ dei Survivor’. Gettonata è anche ‘Gonna fly now’ di Bill Conti, composta per la soundtrack di ‘Rocky’ e in grado di dare una scarica di adrenalina come poche.

I CONSIGLI DI ALDO ROCK – E tra gli artisti preferiti dai giovani? Dei ‘must’ sono ‘Can’t stop’ dei Red Hot Chili Peppers e ‘The Rockafeller skank’ di Fatboy Slim. Secondo Aldo Rock, voce di Radio DeeJay e maratoneta instancabile, la musica è fondamentale per superare le prove più dure. E proprio lui, assieme a Linus, in passato ha realizzato una compilation dedicata ai ‘runners’: tra le canzoni incluse dal triatleta milanese c’è un classico come ‘Born to be wild’ degli Steppenwolf, mentre tra i successi recenti ecco i Muse con ‘Time is running out’ e i Cake con la cover di ‘I will survive’.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Si dimagrisce anche correndo con il freddo?

Sono in tanti a pensare che per perdere