Mal di milza mentre si corre? Ecco cosa fare

Mal di milza mentre si corre? Ecco cosa fare

- in CONSIGLIATI, WELLNESS
327
0
Fonte immagine: http://www.inran.it/dolore-alla-milza/5355

Più o meno a tutti i runner è capitato di provare la fastidiosa sensazione data dal mal di milza durante la corsa: ecco alcuni accorgimenti per evitarlo

Il mal di milza è facilmente riconoscibile: dopo un po’ di tempo che si corre, si manifesta una sensazione fastidiosa e pungente sul lato sinistro del busto, poco al di sotto dello stomaco, ed è un dolore che obbliga a rallentare e riprendere fiato. Proprio questa è la chiave di tale disturbo: la splenalgia – nome scientifico del mal di milza – fa capolino nelle persone poco allenate e che hanno bisogno di più chilometri nelle gambe per poter sostenere un determinato ritmo.

Solitamente, infatti, il mal di milza si presenta quando si cerca di tenere un ritmo troppo sostenuto per le proprie capacità in quel momento ed è una sorta di campanello d’allarme che l’organismo lancia per far rallentare il runner alle prime armi. Questa è l’unica cosa certa che si sa al momento sul mal di milza, poiché non sono ancora state fornite spiegazioni scientifiche circa le cause che portano alla splenalgia.

Al momento è stata data solo una motivazione parziale all’insorgere di tale disturbo: viene provocato dal ritmo respiratorio più intenso generato da una corsa condotta ad andatura elevata che, nei soggetti poco allenati, causa una maggiore pressione dei polmoni sul diaframma, il quale a sua volta va a premere sulla milza generando così il dolore che ben conosce la quasi totalità dei runner. Esistono delle soluzioni per evitare questo fastidioso disturbo?

La risposta è sì e inoltre si tratta di una soluzione piuttosto “semplice”: basta continuare ad allenarsi in maniera costante e con pazienza. Con l’aumentare del chilometraggio nelle gambe, infatti, si avrà un incremento della resistenza e una più facile gestione del ritmo respiratorio, in tal modo si riuscirà ad evitare di sforzare in maniera eccessiva il diaframma. Quando si manifesta il dolore durante la corsa, è meglio non fermarsi ma proseguire a correre riducendo l’andatura così da stabilizzare la respirazione; in alternativa si può continuare semplicemente camminando, senza forzare la respirazione.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Hai poco tempo per correre? Ecco tre tabelle di allenamento per restare in forma

Per i runners che non vogliono rinunciare mai