Peperoncino, aiuta a bruciare i grassi

Peperoncino, aiuta a bruciare i grassi

- in CONSIGLIATI, NUTRIZIONE
730
0

Le virtù del Peperoncino per il nostro benessere sono abbastanza note: aiuta a prevenire le patologie cardiovascolari, favorisce la circolazione e l’equilibrio della pressione sanguigna, aiuta in caso di inappetenza e difficoltà digestive.

Ma, stando ai risultati di uno studio realizzato dai ricercatori della University of Wisconsin, negli Stati Uniti, e presentato al congresso annuale della Biophysical Society tenutosi di recente a Baltimora, la pianta erbacea piccante avrebbe anche un altro effetto molto positivo sulla nostra forma fisica, dal momento che sembra in grado di contribuire a prevenire l’accumulo di grasso, consentendoci dunque di perdere peso.

Tutto merito dalla capsaicina, la sostanza responsabile del sapore piccante del peperoncino che, da un bel po’ di tempo a questa parte, ha attirato l’attenzione di numerosi ricercatori proprio per via delle sue notevoli proprietà terapeutiche.

Per verificare gli effetti del peperoncino sul peso, gli autori dello studio hanno realizzato degli esperimenti su modello animale. A un gruppo di topi è stata fatta seguire una dieta ricca di grassi. Poi, i roditori sono stati suddivisi in due gruppi, a seconda che, insieme alla dieta iperlipidica, fosse o meno somministrata loro della capsaicina.
Successivamente, sono stati confrontati i dati relativi ai due gruppi di topi sottoposti al test, ed è stato effettivamente notato come, nonostante la dieta seguita fosse la stessa, i roditori cui era stato somministrato l’estratto di peperoncino facessero registrare un minor accumulo di grasso.

Questo effetto della capsaicina deriva dalla sua influenza sul metabolismo. Difatti, questa sostanza stimola la termogenesi, con la conseguenza che i grassi ingeriti non si trasformano in adipe ma vengono bruciati per produrre calore.
“L’obiettivo principale del nostro lavoro”, commentano gli autori dello studio, “è capire meglio il meccanismo con il quale la capsaicina potrebbe contrastare l’obesità, trasformando queste prime osservazioni in raccomandazioni dietetiche concrete”.

Se i risultati ottenuti su modello animale saranno replicati anche in test sugli esseri umani, si potrà lavorare su nuovi trattamenti in grado di prevenire e trattare l’obesità. Tra questi, è in fase di messa a punto un integratore alimentare basato su nanoparticelle a rilascio prolungato di capsaicina.

Quello dell’obesità è un problema che registra una costante e preoccupante diffusione su tutto il pianeta. Basti pensare che, secondo le stime fornite dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, il numero di persone costrette a fare i conti con problemi di sovrappeso e obesità è raddoppiato nel corso degli ultimi 35 anni, giungendo a interessare circa un terzo della popolazione mondiale.
E il nostro Paese non si sottrae di certo a questo poco salutare trend. Secondo le stime correnti, in Italia il 32% degli adulti è sovrappeso, mentre l’11% è obeso. In sostanza, circa quattro italiani adulti su dieci si trovano a dover fare i conti con un buon numero di chili da smaltire.

 

 

http://www.megliosapere.info/2015/03/peperoncino-bruciare-grassi/

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Dolci da runner: la cheesecake al… cannolo!

Il regime alimentare di un atleta prevede pure