Prepararsi alle gare (5, 10 e 21 km.)

Prepararsi alle gare (5, 10 e 21 km.)

- in CONSIGLIATI, TRAINING
1463
0

Quando si prepara una gara agonistica, che sia essa di pochi chilometri o che si tratti di una maratona bisogna seguire un particolare calendario di allenamento che permetterà al runner di raggiungere tranquillamente gli obiettivi prefissati senza affaticare l’organismo in maniera eccessiva.

Esistono diverse categorie di competizioni ove bisogna percorrere una distanza che può variare dai 5 km fino ai 21 Km (anche detta mezza-maratona) e per ciascuna di esse è necessario seguire un iter composto da tre tipi di allenamento definiti: generale, speciale e specifico.

La differenza principale stà nel carico di sforzo applicato e nella durata di ciascuna sessione di allenamento, mentre il fine in tutti i casi è quello di migliorare le capacità aerobiche (correre a lungo respirando correttamente) e quelle muscolari (portare i muscoli a lavorare alla massima potenza senza affaticarsi).  

In tutti i casi la preparazione generale dovrà essere graduale, iniziando con percorsi semplici ma lunghi che permettono di allenare la respirazione; si prosegue con la fase speciale e quindi con le ripetute che vanno effettuate a velocità sostenuta nei primi tempi e a “ritmo di gara” successivamente. La parte speciale prevede invece di effettuare l’allenamento come se si fosse già in gara, quindi con il medesimo carico di sforzo.

In ogni caso è fondamentale non arrivare stanchi alla gara dagli allenamenti precedenti e non effettuare più di due competizioni a settimana per non affaticare il fisico. Per garantire in fase di gara il massimo delle performance è opportuno inoltre alternare periodi di allenamento intenso ad altri di defaticamento che permettano alla struttura muscolare di conservare tutte le proprie capacità.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Dolci da runner: la cheesecake al… cannolo!

Il regime alimentare di un atleta prevede pure