Pressione bassa: come contrastarla

Pressione bassa: come contrastarla

- in CONSIGLIATI, WELLNESS
1412
0

In estate è più frequente soffrire di ipotensione, vale a dire pressione bassa. Quali sono i metodi più efficaci per contrastarla e ridurne i sintomi?

Sono tante le persone che soffrono di pressione bassa, una condizione che spesso si acuisce in estate a causa delle temperature elevate. I runner e coloro che praticano sport regolarmente sanno bene cosa accade quando i valori della pressione si abbassano: debolezza diffusa, forze che vengono a mancare e in alcuni casi anche giramenti di testa, che costringono ad interrompere l’allenamento.

La pressione bassa – il cui termine medico è ipotensione – si verifica quando i valori relativi alla pressione scendono al di sotto di 50/95 mm HG e sintomi, oltre a quelli già citati, possono essere sudori freddi, ronzio nelle orecchie e pallore. I giramenti di testa, nei casi peggiori, possono precedere lo svenimento. Cosa provoca l’abbassamento di pressione? Il caldo eccessivo è una causa piuttosto diffusa in estate, ma l’ipotensione può essere correlata anche ad un calo glicemico o ad una predisposizione naturale. Bisogna prestare attenzione, inoltre, ai farmaci che si assumono.

I diuretici, gli antidepressivi e i betabloccanti possono infatti provocare un calo della pressione, così come alcune patologie come ad esempio l’ipotiroidismo. In linea di massima, si può intervenire sull’ipotensione attraverso l’alimentazione, ovvero inserendo nella propria dieta determinati alimenti in grado di scongiurare gli abbassamenti di pressione. Il tè verde è una bevanda indicata per questo scopo, ancor più del caffè che pur essendo energizzante ha degli effetti negativi, poiché causa l’espulsione attraverso le urine di sodio, e questo comporta una diminuzione della pressione del sangue. 

Il tè verde si rivela utile perché il suo effetto dura varie ore, per via del lento rilascio nell’organismo di teina. Oltre al tè verde, si rivelano efficaci pure il carcadè, il tamarindo e l’infuso di rosmarino. L’acqua è indispensabile per chi soffre di ipotensione, perché soprattutto quando si corre l’abbassamento di pressione va di pari passo con un’idratazione non adeguata. Accanto all’acqua, poi, sono consigliati anche centrifugati e succhi di verdura e frutta, in particolare quelli ricchi di vitamina C (arancia, mandarino, kiwi, barbabietola etc).

Altro rimedio conosciuto contro la pressione bassa è la liquirizia pura, da consumare attraverso caramelle o bastoncini; il principio attivo della liquirizia favorisce l’innalzamento della pressione, scongiurando così l’ipotensione. Con la liquirizia, però, bisogna andarci piano: dosi eccessive, infatti, possono portare a problematiche a livello cardiaco e causano ritenzione idrica. Molto importanti sono anche i sali minerali, nello specifico potassio e magnesio.

Nel regime alimentare è necessario inserire dunque gli alimenti ricchi di questi sali, come ad esempio banane, patate, fagioli, zucchine, riso integrale e verdura a foglia verde. Quali sono, invece, le sostanze da evitare per non incorrere nell’ipotensione? In primis gli alcolici, in quanto si tratta di vasodilatatori; poi bisogna evitare i pasti eccessivamente abbondanti, poiché una digestione lunga provoca ipotensione. Sono da preferire, quindi, gli spuntini leggeri, puntando su legumi, cereali integrali, verdure, frutta sia secca che fresca.

 

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

You may also like

Trail: 10 consigli per correre in discesa più velocemente

Nelle gare di trail che comportano lunghi tratti