Primavera: tempo di muoversi e mettersi in forma con i runner motivator

Primavera: tempo di muoversi e mettersi in forma con i runner motivator

- in CONSIGLIATI, TRAINING
1399
0

Quando si parla di mettersi in forma, oggi, non si parla solo della prova costume. Mettersi in forma in questi ultimi anni ha assunto un significato più ampio e generale, che va dalla forma dell’aspetto fisico al benessere generale, sia del corpo che della mente. Perché chi inizia a correre deve tenere conto del fatto che il primo grande risultato è quello dato dalla soddisfazione di aver dato una svolta alla propria vita, di avere iniziato un percorso psico-fisico volto al benessere.

Quella di iniziare a correre è una decisione che può prevedere strade differenti: c’è chi si avvicina all’attività fisica per perdere qualche chilo e trova nella corsa un modo equilibrato, piacevole ed economico per ritrovare se stessi e c’è chi, invece, si appassiona così tanto da cercare non solo il benessere generale, ma anche il miglioramento continuo, da testare tramite le tantissime gare su strada su distanze più o meno lunghe. Spesso, per iniziare a muoversi si ha bisogno non solo di una motivazione interna, ma anche di un traino esterno, come un amico/amica con cui iniziare l’avventura del movimento o, ancora di più, un personal trainer o un runner motivator. Quest’ultima figura è sicuramente quella più idonea per stimolare la voglia di iniziare a fare attività sportiva nel segno del benessere psico-fisico. Il runner motivator, infatti, ogni giorno stimola aspiranti runner a fare un passo in più rispetto al giorno precedente, non per vincere una gara quanto piuttosto per vincere contro se stessi, contro la pigrizia e, soprattutto, per cambiare verso uno stile di vita più idoneo alle esigenze del proprio fisico e della propria mente.

Andare a correre, infatti, non deve essere una tortura per perdere peso, ma un momento piacevole, da condividere con qualcuno. Sono in molti a iniziare a fare movimento in compagnia, proprio perché il miglior traino è un amico con cui condividere la fatica dell’allenamento e la soddisfazione di avercela fatta, ancora un giorno. Quando si inizia a correre, ci si renderà conto di una serie di cose ma, in primis, ci si accorgerà che si sta semplicemente meglio. Al di là di qualche dolore muscolare iniziale, soprattutto in quanti hanno un passato da sedentari, l’aria aperta è la prima grande alleata della salute. Proprio per questo motivo sempre più persone si riversano nei parchi, sui lungomare e in altre zone a traffico limitato per poter iniziare a correre.

Naturalmente, per ottenere risultati concreti si deve puntare ad allenamenti completi, che alternano corsa ad esercizi per migliorare la forza di addominali, lombari e braccia, per coniugare quindi non solo la parte aerobica, ma anche quella muscolare. Il runner motivator, infatti, nonostante il nome che fa pensare solo all’attività di corsa, dovrà preferire l’aspetto globale della preparazione fisica e mentale, puntando sempre al benessere del corpo e della mente. Per questo, gli allenamenti che vengono proposti dai runner motivator non vanno confusi con quelli degli atleti di livello nazionale o mondiale, come quello delle maratonete Valeria Straneo o Anna Incerti. Nel loro caso la motivazione, così come la preparazione, sono di altro tipo, e sono dettate non dalla volontà di stare bene in salute, ma da quella di vincere determinate competizioni o migliorarsi per raggiungere obiettivi sempre più importanti.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

You may also like

Dopo la corsa? Una bella birra!

Per dissetarsi al termine di una corsa o