Quanto durano le scarpe da running?

Quanto durano le scarpe da running?

- in CONSIGLIATI, STYLE
2234
0

Conoscere la “durata” delle scarpe da running è di estrema importanza per chi corre, così da poter capire quando è arrivato il momento di sostituirle

Arriva per tutti i runner, prima o poi, il temuto momento in cui diventa improrogabile sostituire le vecchie scarpe in favore di un paio nuove. Ciò che è importante, è capire in anticipo quando le fidate scarpe, compagne di numerose corse, hanno perso funzionalità e dunque non sono più in grado di svolgere a dovere il loro compito. Correre su calzature logore, infatti, è pericoloso in quanto può esporre il podista al rischio di infortuni, dato che il piede non viene più protetto e supportato in maniera adeguata.

Pur apparendo integre esternamente, le scarpe da running potrebbero avere già esaurito il loro ciclo vitale e non essere più funzionali come all’inizio; a seconda del tipo di scarpa, esiste un chilometraggio oltre il quale non bisogna andare, poiché la calzatura non avrà più quei requisiti di comfort, supporto e protezione che aveva in partenza. Per cui prima che venga superato quel chilometraggio, è tempo di cominciare a guardarsi intorno in cerca di un nuovo paio di scarpe.

Le scarpe classificate come A1 hanno una durata che oscilla fra i 150 e i 300 chilometri, mentre le A2 si mantengono funzionali in una forbice di chilometraggio più ampia, da 300 a 500 km. Le più durature in assoluto sono le scarpe contrassegnate come A3 e A4, che garantiscono performance valide da 500 fino a 1000 chilometri. Naturalmente questi sono valori che servono solo a dare un’indicazione, come si evince dall’ampia forbice fra il numero minimo ed il numero massimo di chilometri.

La durata dipende anche da come l’atleta “tratta” le scarpe e da condizioni esterne: il caldo eccessivo, ad esempio, o correre costantemente con le basse temperature riducono la vita di una scarpa. Nella scelta della scarpa da running riveste estrema importanza la qualità: una calzatura di ottima fattura, infatti, non solo garantisce una durata maggiore, ma assolve al meglio quelli che sono i suoi compiti, mettendo il runner nelle condizioni ideali per correre.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Uno spuntino… di corsa: ecco cosa mangiare prima di un allenamento

Si avvicina l’ora dell’allenamento quotidiano ma il vostro