Runner: come ottimizzare la pausa pranzo

Runner: come ottimizzare la pausa pranzo

- in CONSIGLIATI, RUNNING
306
0
http://home.bt.com/lifestyle/health/fitness/why-youre-never-too-old-to-start-running-training-tips-for-over-50s-11363946934744

La pausa pranzo potrebbe essere un ottimo momento della giornata per un breve, ma proficuo, allenamento: ecco in che modo ottimizzare il tempo a disposizione

La pausa pranzo non è solamente un momento di break per spezzare la giornata lavorativa, ma può rivelarsi molto più “utile”: ottimizzando i tempi, infatti, potrebbe diventare uno spazio per allenarsi, dedicandosi ad una seduta breve ma assolutamente proficua e benefica non soltanto per il fisico, ma pure per la mente. Per questo il consiglio è quello di sfruttare, ogniqualvolta sia possibile, la pausa pranzo come momento per allenarsi: vediamo come utilizzare il tempo che si ha a disposizione.

Sono sufficienti anche 15 minuti soltanto di attività fisica per rigenerarsi, sia nel corpo che nella mente, dopo una mattinata di lavoro: per questo a giorni alterni la pausa pranzo può trasformarsi in una mini-sessione di allenamento, così da trarne tutti gli effetti benefici possibili, in termini di riduzione dello stress e stimolazione della creatività. Inoltre non è necessario trovare un posto specifico: qualunque luogo può trasformarsi in uno spazio utile per allenarsi!

woman-running-up-stairs-192142_w650

Se si hanno a disposizione delle scale, 5 minuti di salite e discese su due piani rappresentano un valido esercizio di riscaldamento; dopodiché si può effettuare un piano di corsa e uno camminando, ripetendo la sequenza per due o tre volte come se fossero delle ripetute. Con questo caldo, però, un simile esercizio farebbe sudare parecchio e se non si ha a disposizione una doccia in ufficio, non è proprio il caso; l’alternativa più valida per non sudare è la semplice camminata con brevissimi tratti di corsa.

L’importante è sudare il meno possibile, così da essere poi a posto con un semplice asciugamano e una salvietta, pronti nel proprio posto di lavoro. Infine pure l’ufficio può trasformarsi in una sorta di mini-palestra: appoggiando le mani alla scrivania è possibile eseguire piegamenti sulle braccia, circa una quindicina, e poi affondi per le gambe, in questo caso una decina. Si tratta di esercizi efficaci per la core stability e per rafforzare i muscoli della zona centrale del corpo.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Mantenere alta la velocità sino a fine gara: ecco come fare!

La tendenza a rallentare nel finale di una