Running: i migliori alimenti da tenere nella dispensa

Running: i migliori alimenti da tenere nella dispensa

- in CONSIGLIATI, NUTRIZIONE
3228
0

L’alimentazione è uno degli aspetti che contribuiscono al raggiungimento delle massime prestazioni nel running.

Mangiare nel modo corretto permette di sostenere allenamenti ad alta intensità e di accelerare i tempi di recupero, oltre che mantenere l’atleta sempre in buona salute. La spesa deve quindi essere effettuata con attenzione, tenendo conto delle necessità fisiche del runner e non solo del fattore gusto. L’alimentazione è cultura, stile di vita, attenzione e desiderio di curare il proprio corpo. Occorre seguire una dieta il più possibile equilibrata, sana e nutriente ma senza che diventi un’ossessione. I cibi acquistati devono fornire la giusta quantità di calorie, le adeguate proporzioni tra i nutrienti e devono essere distribuiti correttamente nei pasti della giornata.

Nella dispensa del runner non possono mancare i cibi a base di carboidrati per la preparazione dei primi piatti, quindi occorre sempre essere forniti di: pasta e pasta integrale, riso e pasta di riso, orzo e farro. Sono interessanti anche i cereali meno diffusi nel nostro Paese come: miglio, quinoa, grano saraceno o amaranto. A questi vanno aggiunti dei cibi secchi come i vari legumi (fagioli, fave, piselli, ceci e lenticchie) e le farine (frumento, polenta, farro e magari riso e kamut). Gli alimenti per la colazione, pasto fondamentale per tutti (anche i sedentari) e a maggior ragione per lo sportivo, comprendono soprattutto: cereali tostati (avena, mais, riso, frumento), gallette di riso, fette biscottate, pane e pane integrale e biscotti secchi.

I cibi vegetali freschi sono la base dell’alimentazione, per le fibre, sali minerali, vitamine e antiossidanti. Devono perciò essere sempre presenti la frutta, le verdure e gli ortaggi. Occorre avere sia verdure da consumare crude (in insalata) che quelle da cuocere. Sono importanti anche i cibi proteici per mantenere la forza e la massa muscolare. Il runner deve quindi consumare vari tipi di carne (soprattutto manzo e vitello, pollo e tacchino) e pesce (come salmone, tonno, pesce spada, gamberi e pesce azzurro). Tra gli altri alimenti proteici di origine animale vanno incluse le uova e i formaggi, sia freschi (mozzarella, ricotta, crescenza) che stagionati (soprattutto grana e parmigiano).

Il resto della spesa del podista prevede alcuni cibi conservati, benché sia sempre preferibile consumare alimenti freschi o che comunque non abbiano conservanti. A volte si ha poco tempo per cucinare e in questi casi lo scatolame è molto utile. Nella dispensa quindi saranno presenti: legumi già cotti in barattolo e passata di pomodoro, carne in gelatina e pesci in scatola (tonno, salmone, sgombro). Tra gli altri alimenti ci saranno il latte, il miele e le marmellate, la frutta secca sia a guscio (mandorle, nocciole, noci) che dolce (fichi, uvetta, albicocche) e succhi di frutta. Nel frigo dovranno essere presenti il latte fresco, lo yogurt, salumi come bresaola e prosciutto e nella dispensa condimenti come: olio extravergine d’oliva, aceto e spezie varie.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

You may also like

Uno spuntino… di corsa: ecco cosa mangiare prima di un allenamento

Si avvicina l’ora dell’allenamento quotidiano ma il vostro