Stop forzato all’allenamento: come si gestisce l’interruzione?

Stop forzato all’allenamento: come si gestisce l’interruzione?

- in CONSIGLIATI, RUNNING
749
0

Nella corsa come nella vita gli imprevisti possono essere sempre dietro l’angolo: come si gestisce un’interruzione forzata del proprio piano di allenamento?

Un infortunio o una malattia sono soltanto due esempi degli imprevisti con cui si possono trovare a dover fare i conti i runner, intoppi che spesso portano all’interruzione del programma di allenamento. Cosa si fa in questi casi? In che modo si gestisce lo stop forzato delle sedute di training? Modificare il piano di allenamento è meno semplice di quanto si possa pensare, perché anche nelle tabelle considerate standard, la sequenza delle sedute segue una precisa logica.

In caso di un’interruzione breve – di pochi giorni, due o tre al massimo – il consiglio è quello di riprendere il lavoro proseguendo con il programma, senza recuperare le sessioni di allenamento perse a causa dello stop. Pochi giorni di interruzione in genere non causano grossi problemi e in caso di malattia, si può ricominciare con sedute di corsa che non superino i 30-40 minuti, così da riabituare il fisico allo sforzo.

scarpa-running

Se invece lo stop è più prolungato e arriva a una settimana, si ricomincia riprendendo lo schema della settimana in cui si è verificata la sosta forzata dall’inizio; invece nell’eventualità di un’interruzione superiore ai sette giorni, sono necessari alcuni allenamentiintermedi” prima di riprendere con il programma; in questi allenamenti – in genere tre – si effettua corsa a ritmo lento per 30 minuti nel primo allenamento, poi 40 e 50 nei successivi due. Dopodiché si parte con il programma della settimana in cui c’è stato lo stop, riprendendolo dall’inizio.

Per le soste più prolungate, dalle due settimane in su, bisogna prendere in considerazione la possibilità di effettuare una riabilitazione fisica, soprattutto se l’interruzione è stata causata da un infortunio. Nella maggior parte dei casi, nell’eventualità di uno stop che supera le due settimane si riprende il programma di allenamento dall’inizio oppure ci si affida ad una nuova programmazione, poiché il lavoro svolto prima della sosta è stato vanificato dalla pausa forzata.

 

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Se i piedi del runner si addormentano…

Sono tanti i runner a cui si addormentano