Una dolce compagnia per i runners: le barrette di avena fai-da-te

Una dolce compagnia per i runners: le barrette di avena fai-da-te

- in CONSIGLIATI, NUTRIZIONE
818
0

Come tutti sanno i runners devono prestare attenzione alla propria alimentazione ma avranno pur diritto ad un momento di dolcezza! Ecco quindi una ricetta semplice e veloce per delle barrette d’avena a prova di bomba.

Si sa, l’alimentazione per coloro che fanno running è un elemento importante in quanto deve essere il più possibile ricca di frutta, verdura e fibre. Al di là della dieta specifica per ogni atleta, un piccolo strappo alla regola non può certo far male, soprattutto se prepariamo un bel dolce fatto in casa. Infatti se proprio abbiamo voglia di un tocco di dolcezza è sempre meglio mangiare qualcosa cucinato da noi piuttosto che i soliti prodotti industriali. Per rimanere leggeri possiamo dunque provare delle barrette d’avena vegane, ovvero prive di derivati animali come burro, margarina o uova. Si tratta di una ricetta molto semplice in quanto basterà assemblare gli ingredienti, mescolarli e infornare il tutto. Volendo, poi potremo anche aggiungere altri ingredienti per variare il gusto, ma il risultato sarà ottimo comunque.

Per ottenere 14 rettangoli avremo bisogno di:

130 g. di farina

300 g. di fiocchi d’avena

180 g. di sciroppo di riso

130 ml. di olio di semi

1 cucchiaino di lievito in polvere

1/2 cucchiaio di cannella

Vanillina

5 cucchiai di marmellata biologica (qualsiasi gusto andrà bene)

Per preparare le nostre barrette possiamo iniziare prendendo una ciotola di medie dimensioni. Versiamo dentro i fiocchi d’avena, il lievito, la farina, la cannella e la vaniglia. A questo punto vi aggiungiamo lo sciroppo di riso e l’olio di semi di girasole. Con un mestolo grande amalgamiamo per qualche minuto fino ad ottenere un composto omogeneo. Adesso trasferiamo metà dell’impasto in una teglia quadrata o rettangolare che avremo precedentemente imburrato. Spalmiamo qualche cucchiaio della marmellata con la quale abbiamo deciso di farcire il dolce e successivamente versiamo sopra l’altra metà di impasto. Non ci resta che livellare il tutto con l’aiuto di una spatola e mettere in forno ventilato ad una temperatura di 180° per circa 20 minuti. Quando il dolce ci sembra ben dorato possiamo sfornarlo e lasciare che si raffreddi. Procediamo poi al taglio con un coltello ben affilato, facendo attenzione a non imprimere troppa forza.

Se poi non ci piace la classica forma rettangolare possiamo anche affettare le barrette come piccoli quadrati. In ogni caso i dolcetti si conservano perfettamente fino a 20 giorni in una scatola per biscotti o nel frigorifero se fa molto caldo. Questo snack ci permette inoltre di poter modificare gli ingredienti secondo il nostro gusto. Ad esempio, se non vogliamo utilizzare nessun tipo di farina, possiamo sostituirla con delle scaglie di cocco che daranno un sapore ancor più ricco. Se poi non ci piace la cannella, si può anche impiegare un’altra spezia a nostra scelta oppure usare il riso soffiato al posto dell’avena. Possiamo provare anche mettendo nell’impasto della cioccolata spalmabile o del cacao in polvere se amiamo particolarmente il cioccolato. Ad ogni modo, possiamo mangiare le barrette d’avena come merenda del pomeriggio o a metà mattina se abbiamo fame e vogliamo qualcosa di dolce ma leggero e naturale al tempo stesso. Insomma, non resta che rimboccarsi le maniche e… buon appetito!

 

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

You may also like

Mantenere alta la velocità sino a fine gara: ecco come fare!

La tendenza a rallentare nel finale di una