Verdura e frutta non solo da mangiare…

Verdura e frutta non solo da mangiare…

- in CONSIGLIATI, NUTRIZIONE
1219
0

I succhi di verdura e frutta rappresentano soprattutto in estate una soluzione per dissetarsi molto gradita dai runners e non solo. Bisogna però fare attenzione al tipo di succo, perché sono molto diversi fra loro: si è portati a pensare, infatti, che tutti i succhi facciano bene e accanto a quelli in grado di apportare sostanze nutritive, ce ne sono altri che, invece, non sono diversi da un po’ di acqua zuccherata. Saper scegliere il succo di frutta o di verdura giusto è quindi molto importante per reintegrare nella maniera migliore ciò che si è perso durante l’allenamento.

I succhi di frutta si distinguono in due categorie: i succhi “veri” – quelli composti da succo al 100% – e le bevande alla frutta, che possono essere accostate alle comuni bibite zuccherate. Soltanto i primi sono in grado di assicurare un corretto apporto di sostanze nutritive. Con un bicchiere circa di succo d’arancia o di ananas al 100% si soddisfa il fabbisogno giornaliero di vitamina C e di potassio. Il succo di frutta è ideale dopo lo sforzo fisico, perché l’alto indice glicemico è utile a ripristinare le riserve di carboidrati intaccate dalla corsa.

Nonostante i succhi facciano bene, bisogna stare attenti a non eccedere: il loro quantitativo di calorie, infatti, è superiore a quello del frutto, quindi un bicchiere da 200 ml al giorno è ritenuto più che sufficiente. Chi pensa di affidarsi ai succhi “light” per avere ugualmente le sostanze nutritive con meno calorie, sbaglia: è vero che sono meno calorici, ma contengono anche meno sostanze nutritive e vengono dolcificati in maniera artificiale.

I succhi di frutta vanno bevuti dopo l’attività fisica e mai prima o durante, perché l’eccessiva concentrazione di glucosio può complicare l’assorbimento dei liquidi e causare di conseguenza diarrea oppure crampi. I succhi di verdura contengono meno calorie, ma anche il loro apporto nutritivo è inferiore rispetto ai succhi di frutta, pur essendo sufficiente a soddisfare il nostro fabbisogno giornaliero di vitamine a seconda del tipo di verdura. Con il succo di pomodoro si integra la vitamina C necessaria, mentre il succo di carota provvede alla vitamina A. Infine, è meglio preferire un succo appena fatto, poiché le sostanze nutritive sono presenti in misura maggiore.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Uno spuntino… di corsa: ecco cosa mangiare prima di un allenamento

Si avvicina l’ora dell’allenamento quotidiano ma il vostro