Federica Del Buono la vincitrice del premio Candido Cannavò

Federica Del Buono la vincitrice del premio Candido Cannavò

- in NEWS, RUNNING, SPORT, TOP NEWS
500
0

Consegnato il premio Cannavò: la vincitrice è una giovane ragazza di diciannove anni che, nel corso di quest’anno, ha registrato diversi record personali in diverse discipline.

Il duro impegno, la passione e la costanza hanno premiato una giovane ragazza di Vicenza, Federica Del Buono, che riesce ad ottenere il prestigioso premio Candido Cannavò, per aver migliorato costantemente il proprio record personale sui 1500 metri.
Per otto volte consecutive infatti, la giovane atleta è riuscita a far registrare il record personale in quella disciplina, arrivando ad un tempo record di quattro minuti, cinque secondi e trentadue decimi.
La ragazza però ha dimostrato di voler dare il meglio di se, ed è riuscita anche ad infrangere altri record personali, come quello negli ottocento metri, migliorandolo per quattro volte di fila, portandolo a due minuti e trentotto decimi.
Federica Del Buono, seppur ancora non abbia preso parte a delle particolari competizioni, e dunque non abbia vinto ancora nulla, si è dimostrata uno dei migliori prospetti nel mondo dell’atletica italiana, e proprio per questo ha ricevuto il prestigioso premio.
Questo gli è stato consegnato pochi giorni fa dalla moglie del fondatore della Gazzetta, ovvero da Franca Cannavò.
La promessa italiana dell’atletica, commossa, si è detta entusiasta di aver potuto ricevere tale premio, ed ha sottolineato che questo sicuramente le darà uno stimolo maggiore per poter continuare a migliorare.
Inoltre, Federica ha voluto sottolineare che ora si sente pronta per vincere anche qualche trofeo maggiormente importante, cosa fatta anche dai predecessori che, prima di diventare atleti di fama internazionale, hanno ricevuto il premio Cannavò.

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Maratona di Venezia: i favoriti al via

Mancano i grandi nomi di spicco nella startlist