Cominciare a correre a 40 anni (e oltre)? Si può!

Cominciare a correre a 40 anni (e oltre)? Si può!

- in RUNNING
1507
0
Fonte immagine: https://runthink.org/category/the-good-men-project-2015/

Si può iniziare a correre pure dopo i quarant’anni? Certo, perché il running non ha età e gli esempi di podisti che hanno cominciato in età matura non mancano

Dedicarsi al running a 40 anni o oltre è possibile e anzi consigliato, perché i benefici della corsa sono validi a tutte le età e diventare podisti in età matura non è affatto strano, anzi, gli esempi in tal senso si sprecano nel mondo dei runner. Ciò che serve è una visita medica che assicuri il buon stato di salute per iniziare a fare attività fisica e seguire alcune regole per muovere i primi passi, in modo da evitare di commettere errori (che possono mettere a repentaglio l’integrità fisica) a causa della poca esperienza.

Per questo quando si comincia a correre il consiglio è di… non correre, bensì dare inizio alla nuova avventura camminando, per riattivare i muscoli e il cuore se non si è mai fatto attività fisica prima oppure si è fermi da molto tempo. Iniziare subito a correre potrebbe essere dannoso poiché verrebbero sollecitate in maniera eccessiva le articolazioni, non abituate al tipo di sforzo; per questo per il primo mese sono indicate soltanto camminate, di 2 chilometri circa per quattro volte alla settimana.

abc_runner_110220_wg

Nell’arco di questo mese si aumenta la distanza delle camminate fino a 3 chilometri, arrivando a coprire circa 20 chilometri alla settimana. La corsa va poi inserita gradualmente, aggiungendo alla camminata tratti di corsa leggera non più lunghi di 30 secondi. In questo momento si inizia a diventare runner ed è necessario trovare un paio di scarpe adeguate alla corsa, da acquistare in un negozio specializzato. Man mano le sedute si trasformeranno da semplice camminata a camminata più corsa.

Nei tratti di corsa bisogna mantenere un ritmo non troppo intenso, che consenta di conversare e non faccia venire il fiatone. Poco alla volta diminuiranno le camminate per riprendere fiato e correre in maniera regolare diventerà sempre più facile. A questo punto l’obiettivo può essere quello di correre per 30 minuti senza pause, da raggiungere ovviamente evitando di strafare: la resistenza si acquisisce con il tempo e senza forzature, poiché il fisico ha bisogno soprattutto di adattarsi al tipo di sforzo prima di poter rispondere in maniera adeguata.

 

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Le cose da fare dopo una maratona

In genere si dà grande importanza alle cose