Gobi, la cagnetta che corre nel deserto

Gobi, la cagnetta che corre nel deserto

- in RUNNING
127
0

Il running è una disciplina in cui abbondano storie incredibili e avventurose, come quella di Gobi, la cagnetta runner che tiene il passo degli ultramaratoneti

La corsa è un’attività fisica che sembra travalicare i confini fra specie viventi: non solo gli uomini possono essere runner, ma anche i cani, come nel caso di Gobi, la cagnetta protagonista di questa storia emozionante come solo il running sa regalare. Ci troviamo in Cina, Dion Leonard è un ultramaratoneta che sta disputando una corsa nei pressi del deserto del Gobi e improvvisamente viene affiancato da una cagnolina che inizia a correre al suo fianco.

Bene”- avrà pensato Dion -”mi terrà compagnia per qualche chilometro”. Alla fine i chilometri percorsi da Dion con la cagnetta al suo fianco, che non ha perso il passo neppure per un metro, sono stati ben 130! Impossibile non stringere un rapporto stretto dopo un’esperienza simile, anche perché è stata un’esperienza vincente: Leonard ha infatti vinto quella corsa, e la cagnolina randagia che l’ha conclusa insieme a lui si è dimostrata una runner più resistente di molti rivali del suo compagno di avventura.

Inevitabile il nome scelto da Dion per la sua cagnolina: Gobi. “È un cane piccolo” – queste le sue parole – “ma ha una grande resistenza, visto quello che è stata in grado di fare”. Altrettanto inevitabile è stata la decisione di portarla con sé, dal deserto del Gobi ad Edimburgo. Le storie più intense, però, sono fatte anche di brividi: qualche giorno prima della partenza, Gobi è sparita. Grande la disperazione di Dion che ha lanciato appelli affinché lo aiutassero a ritrovarla.

Lunghi giorni di silenzio non lasciavano presagire nulla di buono: Leonard si stava arrendendo all’idea che non avrebbe più rivisto la sua compagna di corsa, che lui considerava un dono inviatogli dal destino. L’ultramaratoneta ha infatti avuto un’infanzia complicata e fin da giovanissimo si è ritrovato a vivere da solo. Forse sarà stato proprio il fato a fargli ritrovare Gobi poco prima del suo ritorno a casa, e la gioia è stata immensa per entrambi. La loro storia è diventata un libro scritto da Dion e presto diverrà anche un film, così che tutti possano conoscere la vicenda che li ha visti protagonisti.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

La scienza al servizio del running: ecco perché esiste il “muro dei 30 km”

Molti maratoneti vanno in crisi al trentesimo chilometro: