A 94 anni ci lascia Harriette Thompson

A 94 anni ci lascia Harriette Thompson

- in EVENTI, SPORT
128
0
Fonte immagine: http://www.runrocknroll.com/tempo/moments/milestones-positively-harriette/

È scomparsa all’età di 94 anni una delle maratonete più longeve, Harriette Thompson. Ha scoperto la corsa ultrasettantenne, diventando subito una runner

La comunità runner piange la scomparsa di Harriette Thompson, morta all’età di 94 anni in seguito alle conseguenze di una caduta. La nonnina del North Carolina aveva scoperto il running in tarda età, alla bellezza di 76 anni, diventando però nel giro di breve tempo una vera runner. Nel 1999 è scoccata la scintilla della corsa e da allora ad oggi aveva sempre disputato una maratona all’anno. La maratona di San Diego è stata la sua prima 42 chilometri conclusa.

Ma Harriette non era solo questo: abilissima con il pianoforte, aveva suonato anche alla Carnegie Hall. Donna talentuosa e piena di forza, circa 15 anni fa aveva vinto una battaglia difficilissima contro il cancro, che la costrinse ad interrompere gli allenamenti. Una volta guarita, però, aveva ripreso con la stessa voglia e lo stesso entusiasmo di prima, ritornando una presenza fissa nelle maratone in terra statunitense. A darle la forza per andare avanti è stata anche la sua viscerale passione per il running.

Come nel 2015, quando poco dopo la morte di suo marito decise di prendere parte nuovamente alla maratona di San Diego, riuscendo ancora una volta a portarla a termine. E proprio in quell’occasione fece segnare un record: la maratoneta ultranovantenne più veloce al mondo. Concluse infatti la prova in 7h24’36”, superando nettamente il precedente primato di 9 ore e 53 minuti che apparteneva a Gladys Burrile, fatto segnare nella maratona di Honolulu.

L’ultima sua corsa risale proprio a quest’anno, la mezza maratona di San Diego; conclusa naturalmente con un record: nessun atleta della sua età l’aveva infatti percorsa in 3h42’56”. Una passione scoperta tardi: “È davvero una bellissima attività naturale” ha dichiarato in un’intervista riferendosi alla corsa. E forse il suo unico rimpianto è stato quello di aver cominciato tardi a correre, ma in meno di vent’anni ha fatto quello che in molti non riescono a fare in una vita intera. Un esempio da mostrare a chi si domanda indeciso se cominciare a correre oppure no.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Maratona di Atene: si corre nella storia

La maratona di Berlino è quella dei record,