Anne Zannoni porterà la fiaccola olimpica a Rio 2016

Anne Zannoni porterà la fiaccola olimpica a Rio 2016

- in RUNNING, SPORT
581
0

Annalisa Zannoni, detta “Anne”, porterà la fiamma alla XXXI Olimpiade di Rio de Janeiro 2016, in Brasile. L’atleta italiana parla di ciò che rappresenta per lei l’eccezionale ruolo di tedofora. Anne dichiara che, oltre ad sentirsi profondamente onorata, prova una serie di emozioni sovrapposte non immediatamente definibili tutte insieme. Certamente non a tutti capita l’occasione di portare la torcia olimpica. Per questi Giochi Olimpici sudamericani sono 12.000 i tedofori in tutto il mondo, da Atene fino a Rio.

In maniera molto simpatica e con piacevole umorismo, Anne spiega che deve preoccuparsi che tutto vada per il meglio, curando i vari dettagli tecnici. Tra questi, ritirare la taglia corretta della specifica divisa bianca, per evitare di prenderne una più grande e sembrare un’atleta che corre in pigiama, dice scherzando. Inoltre deve essere sicura di farsi trovare nel posto giusto allora giusta, considerando che il Comitato Olimpico effettua le comunicazioni all’ultimo momento e che lei non conosce bene San Paolo, dove gli azzurri si raduneranno, presso il Centro di Pratica Sportiva dell’Università, in attesa del trasferimento a Rio de Janeiro.

Un’altra cosa che Anne prende in considerazione è la possibilità di incontrare uno di quegli sconsiderati che cercano di spegnere la fiamma olimpica. La nostra atleta sa comunque che questa eventualità è poco probabile, visto che sarà ben scortata. Pur dovendo correre solo 200 metri, la podista italiana vuole essere sicura di farlo bene, dato che la fiaccola ha un certo peso, continua sempre con ironia. Tenendo conto che quest’anno la tedofora più anziana aveva 106 anni, ce la farà certamente anche lei!

Anne si chiede quante emozioni possono essere concentrate tutte insieme, in quel minuto di corsa. Ricorda che nella sua vita ha provato sensazioni fortissime nel periodo in cui ha vinto la gara dei 100 km del Passatore e si è anche sposata mentre, per la gioia, dai suoi occhi le lacrime sgorgavano come acqua da una fontana. La nostra tedofora sottolinea che non riuscirebbe ad esprimere tutti i pensieri che le attraversano la mente e forse sarebbe anche considerata folle, prosegue con la consueta e gradevole ironia che la contraddistingue. Ci tiene però a spiegare che la fiamma olimpica che ha l’onore di portare alle Olimpiadi di Rio 2016 rappresenta per lei il simbolo della pace, soprattutto nel periodo storico critico che stiamo attraversando attualmente.

Anne farà la sua parte per ricordare che è sempre preferibile impegnare le proprie energie per costruire piuttosto che distruggere e che la collaborazione rende molto di più della lotta. Un ruolo importante, certamente, che alcuni potrebbero considerare solo simbolico ma che in realtà contribuisce a migliorare le cose. Anne Zannoni porterà con sé una parte dell’affetto di tutta l’umanità ed un’immensa emozione nel cuore!

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

You may also like

Alla mezza maratona di Treviso nasce una stella

Vincere al debutto è roba da predestinati: è