Beirut Marathon: una corsa da record

Beirut Marathon: una corsa da record

- in EVENTI, SPORT
100
0

La Beirut Marathon di domenica entrerà negli annali per il record di partecipanti, per i tempi finali e per il messaggio di speranza di una terra tormentata

Oltre 48 mila runner hanno preso il via della Beirut Marathon domenica scorsa, un primato significativo per una gara che non è di primo piano ma che ambisce a diventarlo in breve tempo. Per l’edizione 2017 è stato modificato il percorso, reso più scorrevole e con meno asperità in confronto agli anni precedenti e questo ha permesso di migliorare i record di gara sia in ambito maschile che femminile, aggiungendo ulteriore motivo di interesse alla maratona.

Fra gli uomini ad aggiudicarsi la vittoria è stato Dominic Ruto, keniano, con il tempo di 2h10’41”, con un miglioramento del precedente primato superiore ai 20”; successo keniano anche fra le donne, poiché la prima classificata Eunice Chumba è nata in Kenya ma corre sotto le insegne del Bahrain. È stata lei la più veloce in ambito femminile, fermando il cronometro sul tempo di 2h28’38”, con un progresso in questo caso addirittura superiore al mezzo minuto.

Nuovi primati che, come detto, sono stati favoriti dal nuovo percorso – più piatto – ma non solo, anche da un tasso di umidità sorprendentemente contenuto e da una temperatura primaverile, intorno ai 23 gradi, che ha permesso agli atleti di esprimersi al meglio. La grande partecipazione di atleti nonostante la difficile situazione in Libano è un messaggio di speranza che lo sport e il running lanciano al mondo con quasi 50 mila runner presenti.

Poco meno di 5 mila di questi sono giunti fino a Beirut da altri Paesi, dimostrando che la corsa e i valori sportivi possono sconfiggere la paura. Oltre alla maratona si sono tenute nella stessa giornata pure la mezza maratona e la 8km Family Run, che ha visto ai nastri di partenza quasi 35 mila persone. Per i tanti libanesi al via, inoltre, partecipare è stato anche un messaggio di solidarietà rivolto al primo ministro Saad Hariri, dimessosi dall’incarico appena una settimana prima della maratona.

 

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Marathon des Sables in Perù: iniziata la gara “infernale”

250 chilometri suddivisi 6 in tappe da correre