Canelli wine run: quando la corsa incontra i sapori di un antico territorio

Canelli wine run: quando la corsa incontra i sapori di un antico territorio

- in EVENTI, SPORT
1556
0

La Canelli wine run rappresenta un appuntamento che non può essere perso da chi ama lo sport a contatto con la natura. Questo tipo di corsa non solo è adatta a tutti, ma è incentrata sulla scoperta di un territorio, Canelli, immerso nel verde di una vallata immersa tra due aree collinari piemontesi, e sulla degustazione dei vini tipici del posto. Altra particolarità dell’evento sta nello spirito goliardico con cui vi si partecipa: durante la corsa, infatti, verrà spruzzato direttamente del vino per rinfrescare i runners.

La corsa

Canelli wine run rappresenta una corsa di cinque chilometri che si estende tra le vie del paese di Canelli, un borgo piemontese che fonda la propria economia sulla produzione vinicola. Sede delle più importanti aziende vinicole nazionali, come Gancia, Ramazzotti e Tosti-Giovanni Bosca, tanto per citarne alcuni, si è definitivamente affermata nel settore grazie all’alta qualità dello spumante prodotto.

E’ proprio il vino a essere protagonista indiscusso della corsa. Durante la gara, infatti, si avrà l’opportunità di attraversare il paese, godendo degli scorci collinari e le vedute che esso regala e si avrà l’opportunità di apprezzare la cordialità e lo spirito degli abitanti del posto. Inoltre, ogni chilometro dei cinque previsti è dedicato a un vino diverso, con stand e degustazioni apposite.

Il programma

La corsa, rigorosamente amatoriale, comincerà con un raduno il 3 settembre 2016, alle 16.30, per il riscaldamento e le presentazioni di rito, che avverranno in un clima gioioso e amichevole.
Verso le 17.30 ci sarà l’inizio della gara, che parte da Piazza Carlo Gancia, dove sarà presente lo stand Ramazzotti con i prodotti locali.
Il primo chilometro è dedicato alla cantina del Rosato di Pico Maccario.
Il secondo chilometro allo spumante Metodo Classico delle Cattedrali Sotterranee.
Il terzo chilometro vedrà la Barbera e il relativo Consorzio.
Il quarto chilometro è dedicato all’Asti Spumante e Consorzio.
Il quinto chilometro al Moscato Canelli e i suoi produttori.

Al termine della corsa è prevista una simpatica premiazione, nonostante la gara sia del tutto amatoriale e basata principalmente sulla voglia di divertirsi dei partecipanti. Per premiare lo spirito di chi gareggia, in ogni caso, l’organizzazione ha previsto di dare un premio alle prime tre donne e ai primi tre uomini che arriveranno al traguardo. Inoltre, verrà considerato anche il partecipante che arriva da più lontano, mentre un altro premio previsto sarà quello per la donna e l’uomo giudicati più “ingambissima”, in modo da dare importanza anche a coloro che sono dotati di uno spirito giovane, a dispetto dell’età.

Iscrizioni

La Canelli wine run è aperta a chiunque voglia partecipare, anche bambini. Occorre iscriversi versando una quota di partecipazione che è di 12€ se ci si iscrive entro il 15 agosto e di 15€ nel periodo dal 16 agosto all’1 settembre.
Con l’iscrizione si avrà diritto a una sacca contenente una T-shirt da indossare il giorno dell’evento, per proteggersi dagli schizzi di vino; buoni sconto; buono consumazione per il punto di ristoro; un buono ricarica e altro materiale pubblicitario.
Per i bambini con meno di 10 anni la corsa è gratuita e non c’è bisogno di iscrizione, avranno comunque a disposizione dei buoni e piccoli gadgets.
E’ importante sottolineare come iscrizioni effettuate non potranno essere rimborsate in caso di mancata partecipazione alla gara ma sarà in ogni caso possibile passare agli stand a ritirare il materiale a cui si ha diritto.
L’iscrizione, infine, può essere effettuata dal portale web della manifestazione oppure presso uno dei wine run stores predisposti e dislocati in tutta la provincia, per esempio a Canelli, Nizza Monferrato, Acqui Terme, Alba, Asti e Alessandria.
Con le iscrizioni on line è possibile iscrivere più persone compilando diversi moduli ma pagando un unico bonifico, basterà indicare i nomi dei partecipanti nella causale.

Intrattenimento

La Canelli wine run è un’ottima occasione anche per divertirsi: nel momento in cui ci si raduna si troverà in piazza la Bandakadabra, una banda dotata di 7 ottoni e 2 percussioni, che suonerà per accogliere i runners e si sposterà attraverso tutte le strade del paese. Sarà possibile degustare un aperitivo offerto dalla Proloco Antico Borgo Villanuova Canelli.
Dopo la gara, dalle 21 in poi, ad allietare la serata ci sarà l’orchestra de I Cormorani, specializzati nel rivisitare i grandi classici del liscio, della polka, mazurka e beguine con gli stili più moderni e all’avanguardia come il genere house, pop e l’edm.
Ospiti speciali della manifestazione sarà il loro scopritore, Dj Angelo, direttamente da Radio Deejay, il quale li fece debuttare nella fortunata trasmissione radiofonica Ciao Belli.
L’evento si chiuderà con una grande serata dance all’aperto, con la musica mixata proprio dal testimonial Dj Angelo.

Saranno disponibili stand con prodotti tipici e il Mayday’s Bar per potersi dissetare, mentre per i runners più provati dalla fatica, sarà possibile sia reintegrare i liquidi persi grazie allo stand della farmacia Morando, sia accedere a massaggi rigeneranti grazie alla professionalità dello Studio Massoterapico Benessere Olistico.

La storia di Canelli

Principalmente incentrato sulla produzione vinicola, il paese di Canelli vanta delle origini molto antiche, che risalgono ai Liguri Stazielli che per primi colonizzarono questa terra. Altri cenni storici conosciuti risalgono all’Alto Medio Evo, quando nel 961 divenne una vera e propria città, prolifica e ricca di scambi. Canelli fu controllata, nel corso degli anni, da famiglie influenti come quelle astigiane degli Asinari e Scarampi, che fecero diventare la città un vero e proprio marchesato.
Tempi bui furono quelli compresi tra il 1600 e il 1700, dove Canelli fu teatro di numerose battaglie, a causa della sua invidiabile posizione che l’aveva resa, nel tempo, uno dei borghi più densamente abitati della provincia di Asti.
Nel corso degli anni, la città si è specializzata sempre più nell’industria Enologica del Moscato d’Asti e nell’omonimo spumante, diventando uno dei centri d’eccellenza della sua produzione.
A livello turistico Canelli offre quel che resta delle sue affascinanti origini medioevali: il Castello, che attualmente appartiene alla famiglia Gancia; le chiese in stile barocco e risalenti al 1600; l’antico centro storico, il quale è suddiviso nel rione Borgo e in quello Villanuova. Anche i panorami che si possono ammirare sono suggestivi, come quelli che si affacciano sull’ampia vallata dell’Astesana del Nord o sulle Langhe a Sud.

Il punto forte di Canelli, però, risiede nelle cosiddette cattedrali sotterranee. Consistono in una serie di numerose cantine che si estendono nel sottosuolo di tutta la città e che per la loro struttura e stato di mantenimento rappresentano dei veri esempi di progettazione e arte architettonica. E’ proprio all’interno di queste preziose cantine, in cui la temperatura non supera mai i 12 gradi, che vengono conservati i vini di maggiore pregio. 

Per rimanere leader nella produzione del vino, il paese di Canelli si è adeguato in fretta all’utilizzo della tecnologia e, nel tempo, è diventato anche un importante centro enomeccanico, dotato di macchinari all’avanguardia per la raccolta dell’uva e la sua lavorazione.
L’impegno e la dedizione messa della produzione del vino hanno fatto in modo che Canelli diventasse un importante centro di riferimento nel settore e che si potesse affacciare con successo anche al mercato internazionale: infatti, attualmente, i vini prodotti dalle quaranta aziende operanti vengono esportati in Francia, Spagna, Inghilterra, ma anche in Russia, USA, Cina e Australia.
I vitigni presenti sono: Moscato, Barbera, Dolcetto,Cortese e Chardonnay; i vini prodotti hanno denominazione DOCG, origine controllata e garantita e DOC, cioè origine controllata.

13716018_1664098980581658_7071181093316022086_n

E’ possibile trovare tutte le informazioni sulla gara sulla pagina Facebook della manifestazione.

https://www.facebook.com/canelliwinerun

http://www.canelliwinerun.it/it/

 

 

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

You may also like

Marathon des Sables in Perù: iniziata la gara “infernale”

250 chilometri suddivisi 6 in tappe da correre