Dare il massimo e farlo bene: l’esempio di Casey Neistat

Dare il massimo e farlo bene: l’esempio di Casey Neistat

- in RUNNING, SPORT
6394
0

Come fa un runner a capire se sta effettivamente dando il massimo? Come fa cioè a misurare da solo il proprio impegno, acquisendo così lo spirito e la motivazione giusta per andare avanti proseguendo quella fantastica avventura che è la corsa? Certamente gli appassionati di cosa che navigano in rete e che frequentano assiduamente youtube si sono imbattuti almeno una volta in Casey Neistat, videomaker e vlogger statunitense che da un anno a questa parte ha deciso di raccontare giorgio per giorno la sua esperienza di vita in quanto runner. Ma la fama di Neistat non risale agli ultimi dodici mesi: egli, infatti, è famoso in rete da oltre quindici anni grazie ai suoi filmati creativi e alla sua volontà di ferro che applica non solo alla corsa, ma a qualsiasi altra attività decida di intraprendere, sportiva e non. Da runner appassionato qual è, Casey Neistat ha partecipato anche alla celebre maratona di New York, che poi è la città in cui vive e lavora.

Oltre a essere il sogno di ogni runner (ma anche di moltissimi sportivi), la maratona di New York rappresenta anche un traguardo di tutto rispetto che Neistat non ha solo raggiunto, ma ha anche filmato dalla partenza da casa sino all’arrivo, consentendo così al suo pubblico di vivere quest’esperienza assieme a lui, seppur ovviamente in maniera indiretta. Tuttavia Neistat non è il solito youtuber che predica bene e razzola male, il cui fine principale è quello di realizzare video da oltre un milione di visualizzazioni (con conseguente guadagno). Al contrario, Casey corre e corre parecchio, e ama moltissimo farlo: lo testimoniano i suoi moltissimi video nei quali la corsa è onnipresente; al mattino presto, prima di recarsi a lavoro nel proprio studio, egli corre e con il suo modo di fare, le sue tenaci abitudini e la grande motivazione mostra a ogni aspirante runner quello che dovrebbe essere il vero spirito della corsa.

Il running influenza la sua vita e il suo lavoro, gli offre la motivazione per alzarsi ogni giorno dal letto di buon umore, spingendolo a fare sempre di più e a farlo sempre meglio, a riprova del fatto che la corsa non è solo un aspetto della vita, qualcosa a sé stante: questo sport influenza positivamente ogni campo dell’esistenza, dando un nuovo senso alle proprie giornate. A dimostrarlo, è il video “Make It Count” che Casey Neistat ha realizzato su commissione di Nike: oltre a essere chiaramente un video di tipo pubblicitario, questo filmato offre all’utente una bellissima visione della vita e del suo modo di viverla. Da vero runner, nonché da sportivo fin nel midollo, quest’uomo non si ferma mai, e ogni obiettivo raggiunto è solo la molla che lo spinge a fare altro, a raggiungere obiettivi via via sempre più ambizioni. Tra le altre cose, per esempio, Casey ha ideato “Beme”, l’applicazione che consente di condividere senza filtri i propri momenti mi importanti. Assieme al suo amico Jesse, racconta storie incredibili e al tempo stesso fa molto più che raccontarle e mostrarle: le vive e le fa vivere a chi lo guarda, e il tutto con l’ausilio della preziosissima videocamera che porta con sé ovunque vada. I dieci minuti al giorno spesi a guardare un suo video, insomma, non sono mai minuti persi, ma aiutano a capire se si sta davvero dando il massimo, e fanno venir voglia di fare e dare sempre di più, a se stessi e agli altri!

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

You may also like

Alla mezza maratona di Treviso nasce una stella

Vincere al debutto è roba da predestinati: è