Gli artisti e la corsa: Dolcenera

Gli artisti e la corsa: Dolcenera

- in RUNNING, SPORT
1981
0

Nel mondo della musica, in quello del cinema, fra gli scrittori: la corsa riscuote un successo trasversale ed è molto apprezzata fra chi scrive, compone oppure recita sul palco di un teatro o di fronte ad una macchina da presa. Ognuno ha le sue motivazioni per impegnare una fetta del proprio tempo libero nel running, ma nella gran parte dei casi c’è semplicemente la passione che spinge gli artisti ad indossare maglietta, pantaloncini e un paio di scarpe e mettersi a correre.

Dolcenera non è soltanto una podista, ma una sportiva a tutto tondo visto il numero di discipline che pratica: oltre alla corsa, ci sono il nuoto, il tennis, il crossfit e addirittura anelli e lancio del peso. È facile immaginare, dunque, che seguirà con una certa attenzione le prossime Olimpiadi di Rio e avrà interesse anche per quelle discipline che spesso vengono snobbate dalla maggior parte dei telespettatori. Il tennis è stato il suo primo amore (ha iniziato a praticarlo a 4 anni), ma poi la sua esuberanza si è indirizzata in molte strade diverse, fra cui anche la corsa. “Muovermi mi fa sentire libera” è il suo motto.

Schermata-2

La passione per il running è nata quasi casualmente e per certi versi in modo drammatico: a 16 anni viene investita da una vettura, si frattura la tibia ed è costretta a lasciare il tennis. Dopo il periodo di riposo forzato, si trasferisce a Firenze e lì scocca la scintilla, tanto da cominciare a praticare la corsa tutti i giorni. Durante i suoi viaggi di lavoro non dimentica mai di portare con sé le sue scarpe da running e l’abbigliamento adatto, poiché ogni momento libero è buono per fare una corsetta.

Come una vera romantica, il luogo del primo incontro non si scorda mai: per Dolcenera infatti non esiste posto in cui correre più bello di Firenze e in particolare dei lungarni. Niente gare, però, nella sua attività di runner: solo corse in solitudine, poiché ciò che più le piace della corsa è stare ad ascoltare il proprio corpo, senza nessuna distrazione.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Attività fisica: una volta a settimana è sufficiente?

Un recente studio ha rivelato che dedicarsi all’attività