Il boom del running in Italia: un’indagine fotografa un fenomeno in costante crescita lungo la penisola

Il boom del running in Italia: un’indagine fotografa un fenomeno in costante crescita lungo la penisola

- in RUNNING, SPORT
503
0
landscape-1490782637-running-primi-chilometri-difficili

Stando ai risultati di una ricerca apparsa su Glucosamine.com, la corsa è oramai uno degli sport più praticati nel nostro Paese.

Italiani, popolo di santi, poeti, navigatori e, da qualche tempo, anche di corridori. Sì, perché è in costante crescita il numero degli appassionati che ogni anno si avvicina a questo sport e scopre, a poco a poco, il piacere di praticare running anche più di una volta a settimana. Se fino ad alcuni anni fa era utopico immaginare un fenomeno di queste proporzioni, oggi si sta assistendo ad un vero e proprio boom, peraltro certificato da una ricerca pubblicata su Glucosamine.com. Il portale online di una delle principali aziende europee nel settore degli integratori alimentari ha raccolto ed elaborato nell’infografica “Corsa, che passione!” una serie di dati che mostrano come oggi la corsa coinvolga indifferentemente uomini e donne, adulti e giovanissimi, oltre che un pubblico di appassionati ben distribuiti geograficamente lungo l’intera penisola.

Watercolor running people, group of people running together. Rainbow watercolor style.

LA STRATIFICAZIONE DEL BOOM – Voglia di divertirsi, ma anche una maggiore attenzione alla cura del proprio fisico e il desiderio di combattere la sedentarietà, magari in compagnia: sono questi i motivi principali che spingono tanti italiani a correre, facendo del running uno degli sport più praticati in assoluto. La fotografia di questo fenomeno è stata di recente fornita dai risultati di un’indagine che il sito Glucosamine.com ha condotto su un variegato campione di soggetti: il primo aspetto che emerge è che chi corre lo fa regolarmente, con circa 3-4 uscite settimanali e in qualsiasi periodo dell’anno. Gli uomini costituiscono il 55% del totale, ma il dato relativo alle donne è incoraggiante e in aumento rispetto agli anni passati (45%). Inoltre, il segmento d’età che maggiormente ama correre è quello compreso nella fascia 25-34 anni (27%), seguito a ruota dalla fascia 35-44 (25%).

Running-Picture-HD

I MOTIVI PER CUI SI CORRE – Come accennato prima, il principale motivo che induce sempre più persone a indossare un paio di scarpe da running è quello di stare in forma (77%) o, nel caso delle donne, di modellare la propria silhouette senza dover necessariamente ricorrere alla palestra. Tuttavia, quasi a pari merito in questa speciale graduatoria c’è la volontà di mantenersi in salute (76%), prevenendo così le patologie legate alla sedentarietà e riducendo anche lo stress accumulato nel corso della settimana lavorativa. Al terzo posto, invece, c’è la semplice voglia di divertirsi assieme ad altri appassionati (61%), facendo diventare così la sessione di training un piacevole momento di socializzazione e non solo un’attività improntata all’agonismo.

ny7O94
ALCUNI CONSIGLI PER LA MARATONA
– Infine, nell’infografica elaborata dallo staff di Glucosamine.com, accanto ai dati statistici c’è spazio per alcuni consigli ed accorgimenti rivolti non solo ai runners principianti, ma anche a coloro che vogliono cimentarsi sulla distanza regina, vale a dire la maratona. Infatti, se è vero che la corsa ha un “livello di entrata” davvero basso e che permette a tutti (quasi a costo zero) di intraprendere questo sport, è altrettanto vero che l’obiettivo di molti è testarsi sui proverbiali 42 chilometri. A tale proposito, se possibile, si raccomanda di affidarsi a trainer esperti, prediligendo inoltre un allenamento che aumenti la resistenza e aiuti a tenere un ritmo il più regolare possibile in gara.

 

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

You may also like

È più importante allenarsi o dormire?

Alcune mattine la tentazione di spegnere la sveglia