La Corsa della Bora si conclude con un ex-aequo

La Corsa della Bora si conclude con un ex-aequo

- in EVENTI, SPORT
562
0

A dispetto del gelo, La Corsa della Bora ha richiamato tanti appassionati di ultratrail: al termine dei 164 chilometri, la gara si è chiusa con un ex-aequo

Il primo grande appuntamento di trail running del nuovo anno ha richiamato migliaia di appassionati, a dispetto delle temperature polari che stanno affliggendo l’Italia in questi giorni. La Corsa della Bora 2017 si è svolta il 6 gennaio e ha regalato spettacolo ed emozioni: nella prova più attesa, l’Ipertrail sulla distanza di 164 chilometri, si è registrato un ex-aequo; sono stati due quindi i vincitori, Alexander Rabensteiner e Peter Kienzl, che hanno concluso il durissimo percorso, con il medesimo tempo, in poco meno di 26 ore

I partecipanti hanno preso il via della gara più lunga addirittura all’1 del mattino del 5 gennaio, affrontando il gelo e la neve in condizioni proibitive dal golfo di Trieste fin quasi al confine sloveno e ritorno. Terzo sul traguardo è giunto Luca Gasperini, staccato di quasi 7 ore dalla coppia di testa con un tempo di poco inferiore alle 33 ore. Nella corsa femminile la vittoria se l’è aggiudicata Cristiana Follador, arrivata al traguardo in 35 ore e 58 minuti davanti alla norvegese Monica Strand, che ha accumulato un distacco di quasi tre ore.

Insieme alla prova più estrema si sono disputate anche la S1 Trail e la S1 Half, e quest’ultima si è confermata la gara con la più alta partecipazione. Nella gara di trail sulla distanza di 57 chilometri è stato Luca Carrara ad avere la meglio in 5 ore e 12 minuti, precedendo sul traguardo collocato a Portopiccolo Christian Modena, per lui un ritardo di 6 minuti, e Christian Pizzatti, attardato di quasi mezz’ora. Fra le donne successo di Annemarie Gross in 6 ore e 45 minuti.

251116152049profilo_altimetrico_2017_trail

Nella corsa sui 21 chilometri è giunto per primo all’arrivo l’austriaco Martin Steger in 1 ora e 43 minuti, davanti a Enrico Pausin e Davide Delladdio staccati rispettivamente di 4’48” e 9’31”. Nella gara femminile ha conquistato la vittoria un’atleta lituana, Alionka Kornijenko, che ha completato il percorso in 2 ore e 6 minuti battendo Michela Miniussi di 3’31” e Giulia Titton di quasi 6 minuti.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Tricolori maratona: Nasef si conferma campione

Ai tricolori sulla distanza della maratona a Verona,