Madeira: gli azzurri e la sfida europea

Madeira: gli azzurri e la sfida europea

- in RUNNING, SPORT
601
0

Da Zermatt a Madeira, dal Cervino all’isola atlantica portoghese. Nelle stesse ore in cui la squadra delle Lunghe Distanze si sposta verso la Svizzera, partono anche gli azzurri impegnati sabato 4 luglio nei Campionati Europei.

Weekend ricco come raramente mai per la corsa in montagna internazionale, con 16 atleti (otto seniores e altrettanti juniores) pronti a mettersi in gioco nella stessa isola portoghese che nel 2002 ospitò la prima rassegna continentale ufficiale. Tredici anni dopo Camara de Lobos tocca a Porto Monitz, questa volta lato sud-ovest diMadeira. Percorsi di sola salita, come nel 2013, quando nella bulgara Borovets Bernard Dematteis portò a casa il suo primo titolo europeo, poi bissato lo scorso anno sull’up and down di Gap.

berni1

Ancora Bernard, il recuperato Berny, nel ruolo di capitano di una squadra azzurra che, alla forzata rinuncia di Agnes Tschurschenthaler, nell’immediata vigilia deve aggiungere quella dello sfortunato Erik Rosaire, costretto a casa dall’influenza. Sara Bottarelli e Luca Cagnati a sostituirli, con la prima all’esordio e a completare un team guidato da Antonella Confortola e Alice Gaggi, cui si aggiunge Samantha Galassi, già in azzurro nel 2013. Cagnati, settimo nel 2014, va invece a chiudere quartetto che a Dematteis abbina il talento di Alex Baldaccini e Xavier Chevrier: ovvero i tre uomini che nel 2013 monopolizzarono le prime quattro posizioni della rassegna europea, lasciando il solo bronzo al turco Arslan.

xavi2

Su un tracciato che ad una prima parte di salita molto dura fa seguire un secondo tratto decisamente più veloce, sono differenti le ambizioni per i due team seniores azzurri. Se il quartetto maschile parte con gli occhi puntati addosso tanto in campo individuale quanto in quello a squadre, quello femminile, sulla carta, lascia invece i favori del pronostico all’Austria di Andrea Mayr e alla Gran Bretagna di Emma Clayton.

Poco meno di 12 chilometri e un dislivello complessivo di oltre 1200 metri: questo il percorso dei seniores uomini, lungo il quale le speranze azzurre si misureranno, ad esempio, con la voglia di rivincita dell’argento 2014 Robbie Simpson, quest’anno già battuto anche dai connazionali Andrew Douglas e Chris Smith. Terzetto ostico per una squadra azzurra compatta come raramente mai e all’interno della quale, alla luce dei risultati stagionali, diventa difficile anche indicare una punta sola. Forse meglio così, in una sfida in cui saranno da seguire anche Turchia e Francia, con il rumeno Ionut Zinca a caccia di qualcosa d’importante.

balda

Non è invece difficile ipotizzare che la gara femminile (8200 metri – dislivello 850 mt) si possa trasformare nell’ennesimo assolo della cinque volte iridata Andrea Mayr, che proverà a guidare la sua Austria ad un oro a squadre che al di là del Brennero manca da una vita o quasi.  Con Sabine Reiner e Susanne Mair loro indubbiamente le favorite, con Gran Bretagna, Russia, Francia e Italia ad inseguire una medaglia. In chiave individuale, ambizioni azzurre legate soprattutto ad Antonella Confortola e Alice Gaggi, chiamate a portarsi magari sino a ridosso del podio.

alice

Sullo stesso tracciato delle donne saranno impegnati anche gli juniores uomini, categoria in cui lo scorso anno, a Gap, gli azzurrini conquistarono uno storico successo. Di quel team, in squadra, è rimasto il solo Alberto Vender, che in Francia chiuse al sesto posto, la stessa posizione che la punta azzurra di questa trasferta, Davide Magnini, colse nel Mondiale di Casette di Massa nel settembre scorso. Allora era ancora allievo, ora, juniores a tutti gli effetti, il trentino che d’inverno vola nello sci alpinismo sogna qualcosa d’importante al cospetto della solita corazzata turca. Con lui il figlio d’arte Francesco Agostini e Marco Casuscelli, il secondo calabrese della storia a vestire l’azzurro della corsa in montagna.

In campo femminile, dopo la forzata rinuncia a Giulia Zanne, toccherà ad Alessia Zecca, la migliore delle azzurrine nel 2014, guidare le giovani italiane, impegnate su un tracciato di poco più di 4 Km e con 400 metri di dislivello positivo, lungo il quale si rinnoverà la sfida tra la campionessa uscente, la britannica Georgia Malir, e la turca Shaban Atalay, seconda nel 2014 a Gap e fresca di vittoria nella Youth Cup della scorsa settimana a Smolyan, in Bulgaria. Per le azzurrine obiettivamente difficile pensare al podio, ma con Roberta Ciappini, Francesca Franchi e Irene Glarey l’Italia spera magari di scalare qualche posizione rispetto all’ottavo posto dello scorso anno.

anto

Loro, in ogni caso, le prime a partire – alle ore 9.00 locali -, seguite da juniores uomini (ore 10.00), seniores donne (10.30) e seniores uomini (11.30). Con un’ora di ritardo rispetto all’orario di Madeira, tutte le emozioni della corsa in montagna europea passeranno anche su corsainmontagna.it e sulle sue pagine social, oltre che sull’area Facebook dedicata di Mountain Running Italian Team.

 

 

 

 

 

 

http://www.corsainmontagna.it/notizie/madeira-gli-azzurri-e-la-sfida-europea

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Maratona di Venezia: i favoriti al via

Mancano i grandi nomi di spicco nella startlist