Mondiali di atletica 2017: Tortu agguanta la semifinale dei 200 metri

Mondiali di atletica 2017: Tortu agguanta la semifinale dei 200 metri

- in EVENTI, SPORT
210
0
Fonte immagine: http://www.ilgiorno.it/sport/mondiali-londra-tortu-1.3319622

Al debutto nel mondiale dei “grandi”, il 19enne Tortu si fa subito notare conquistando la semifinale dei 200 metri: l’appuntamento è fissato per mercoledì

La gara dei 200 metri sembra quasi essersi trasformata in una corsa ad “eliminazione”: dopo la rinuncia di Bolt ecco il forfait all’ultimo momento di Isaac Makwala, primatista mondiale in questa stagione sulla distanza, a causa di una intossicazione alimentare. Ciò non toglie nulla, però, alla prestazione di Filippo Tortu: il giovane azzurro di origini sarde ha infatti agguantato la semifinale dei 200 metri al debutto nella competizione iridata, un risultato di tutto rispetto.

Il 19enne campione europeo all’ultima rassegna della categoria juniores è giunto terzo col brivido nella sua batteria, strappando così l’accesso alla semifinale. Una soddisfazione a scoppio ritardato, perché sul traguardo era convinto di essere giunto quarto ma al fotofinish ha beffato per appena un centesimo il giamaicano Weir, che su questa distanza conquistò il bronzo olimpico proprio qui a Londra nel 2012. L’ennesima conferma della crisi del movimento giamaicano della velocità dopo anni di vacche grasse.

image

A vincere la batteria è stato Sydney Siame, dello Zambia, che con i suoi 20 anni è un altro dei giovanotti terribili che si stanno mettendo in luce in questi campionati del mondo; il suo tempo è stato di 20”29 e gli ha permesso di concludere primo con relativa facilità la prova davanti a Kyle Greaux, Trinidad e Tobago, con il tempo di 20”48. Terzo, come detto, Tortu che ha fatto fermare il cronometro su 20”59, un centesimo meglio di Warren Weir.

Nonostante il buon risultato, Filippo si è detto insoddisfatto della sua prova: “Potevo fare meglio” sono state le sue parole in mixed zone, che testimoniano l’ambizione di questo ragazzo alla sua prima apparizione in un mondiale. Probabilmente la tensione del debutto gli ha giocato un brutto scherzo, ma bisogna considerare che è reduce da un infortunio e ad ogni modo non manca l’occasione di rifarsi: mercoledì è in programma la semifinale, l’obiettivo minimo per il giovane italiano è già stato raggiunto, ora non rimane che sognare in grande.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Marathon des Sables in Perù: iniziata la gara “infernale”

250 chilometri suddivisi 6 in tappe da correre