Mondiali di Londra 2017: Van Niekerk d’oro nei 400 metri

Mondiali di Londra 2017: Van Niekerk d’oro nei 400 metri

- in EVENTI, SPORT
168
0
Fonte immagine: http://www.express.co.uk/sport/othersport/838664/Wayde-van-Niekerk-WINS-400m-Isaac-Makwala-norovirus-World-Athletics-Championships

Ritenuto da molti l’erede di Bolt, Van Niekerk non fallisce il primo appuntamento e conquista l’oro nei 400 metri. Nel mirino ora c’è la vittoria nei 200

Doppietta d’oro 200-400: con questo ambizioso obiettivo Wayde Van Niekerk si è presentato ai mondiali di atletica londinesi e il primo traguardo è stato raggiunto; nella serata di ieri l’atleta sudafricano ha vinto senza troppa fatica la gara sui 400 metri, dando quasi l’impressione di controllarsi e risparmiarsi proprio in vista dei 200. Chi si aspettava un nuovo record mondiale dopo quello dello scorso anno a Rio è rimasto deluso.

Non c’erano le condizioni: la temperatura troppo bassa, intorno ai 15 gradi, e soprattutto l’assenza del principale avversario Isaac Makwala hanno “normalizzato” la gara, togliendo forse qualche stimolo supplementare al primatista mondiale. Van Niekerk ha preceduto gli avversari con il tempo di 43”98, con un vistoso rallentamento nelle ultime decine di metri, in pieno “stileBolt. Alle sue spalle si sono piazzati Steven Gardiner, delle Bahamas, medaglia d’argento in 44”41 e Abdalelah Haroun, che regala il bronzo al Qatar fermando il cronometro sul tempo di 44”48.

Wayde2-1

Ora l’attesa sarà tutta per le semifinali dei 200 metri, in programma questa sera, in cui Van Niekerk darà l’assalto alla finale per provare a centrare la doppietta d’oro nei 200 e 400 che ai mondiali è riuscita solo ad un mito, Michael Johnson nel 1995 a Goteborg. In gara ci sarà anche l’azzurro Filippo Tortu, per il quale però la finale non è un obiettivo ma un sogno, almeno per il momento. Non sarà della partita invece Makwala, che dopo aver saltato le batterie dei 200 per un’intossicazione alimentare ha dovuto rinunciare anche ai 400.

La sua assenza dalla gara dei 400 è però tinta di giallo ed è avvolta nel mistero: Makwala ha infatti sostenuto di stare benissimo ma ieri è stato fermato dai controlli all’ingresso dello stadio. Per scongiurare una diffusione su larga scala dell’intossicazione che lo ha colpito, la Iaaf gli ha negato l’accesso allo stadio, impedendogli così di prendere parte alla gara. Una decisione surreale, forse dettata dal panico innescato dall’intossicazione che avrebbe colpito circa una trentina di atleti e che sta diventando l’argomento più discusso e “virale” – nel senso social del termine – di questi mondiali.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

A 94 anni ci lascia Harriette Thompson

È scomparsa all’età di 94 anni una delle