Olimpiadi 2016: le gare di triathlon

Olimpiadi 2016: le gare di triathlon

- in SPORT, TRIATHLON
1506
0

Entrato da poco nel programma olimpico, il triathlon è diventato in breve tempo una delle discipline più seguite: ecco le info utili sulle gare olimpiche

Il triathlon ha fatto il suo debutto all’interno del programma olimpico solo nel terzo millennio: era infatti l’anno 2000, nel corso delle Olimpiadi di Sydney, e per la prima volta si corsero le gare suddivise in tre diverse frazioni per assegnare le prestigiose medaglie dei Giochi Olimpici. Quella di Rio 2016, dunque, è la quinta Olimpiade nella quale si disputano le gare di triathlon sia maschili che femminili.

Gli appuntamenti in programma sono due: giovedì 18 agosto alle ore 16 si terrà la finale maschile, mentre sabato 20 agosto alla stessa ora quella femminile. La location sarà la medesima per entrambe le gare: la suggestiva Copacabana. Gli azzurri che prenderanno il via sono quattro, due donne e due uomini; i triatleti che rappresenteranno l’Italia sono Davide Uccellari, Alessandro Fabian, Annamaria Mazzetti e Charlotte Bonin.

Per quanto riguarda gli uomini, sono poche le speranze di medaglia dato che i due azzurri vantano al massimo un 10° posto alle Olimpiadi e una medaglia d’argento agli Europei (entrambi ottenuti da Fabian). Più titolate invece le donne, che hanno al loro attivo diverse medaglie di argento e bronzo fra Europei e Mondiali, anche se difficilmente la zona podio sarà alla loro portata.

Fra gli uomini il nome più accreditato per la conquista della medaglia d’oro è quello dello spagnolo Mario Mola, attualmente numero uno del ranking mondiale e vincitore di quattro delle ultime cinque gare di Coppa del Mondo di triathlon. Per lui è la seconda partecipazione alle Olimpiadi: a Londra 2012 concluse la gara al 19esimo posto.

Fra le donne, l’atleta di riferimento è la statunitense Gwen Jorgensen, campionessa mondiale della specialità nel 2014 e nel 2015. La Jorgensen ha un conto aperto con le Olimpiadi: a Londra 2012 infatti forò una gomma nella frazione in bici e concluse la gara in 38esima posizione. Ecco perché avrà una motivazione speciale per andare a caccia dell’oro olimpico, che completerebbe una carriera di altissimo spessore nel triathlon, al quale approdò nel 2010 dopo essersi cimentata nella corsa su pista.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Marathon des Sables in Perù: iniziata la gara “infernale”

250 chilometri suddivisi 6 in tappe da correre