Olmo da dimenticare agli europei di cross.

Olmo da dimenticare agli europei di cross.

- in SPORT, TRIATHLON
950
0

Non è una novità che i triatleti vengano convocati per alcune gare internazionali di cross, già Davide Uccellari aveva vestito la divisa azzurra di specialità  così come Angelica Olmo.


Oggi si sono corsi a Samokov in Bulgaria i campionati europei Junior di specialità  con la giovane azzurra Olmo in gara. Purtroppo la gara per l’atleta del Pianeta Acqua è stata da dimenticare  , ha infatti chiuso 58ma (su 74 arriate) a 1’51″ dalla vincitrice e penultima delle azzurre in gara. A far riflettere i nostri tecnici il fatto che  altre triatlete erano al via, in particolare le francesi Cassandre Beaugrand, Célia Bremond, Lucie Picard e Cécile Lejeune, e tutte sono arrivate davanti alla Olmo, in particolare la Beaugrandt, argento agli ultimi mondiali di triathlon Junior nonostante sia del 1997, ha chiuso al 7° posto assoluto rifilando 1’20″ alla nostra rappresentante in soli 3875m .

Oltre a questo dato c’è da chiedersi che senso abbia una gara così impegnativa per una atleta che ha chiuso la stagione a Ottobre inoltrato dopo mesi e mesi di gare (la stagione di triathlon è iniziata a Marzo, ma anche  lo scorso anno ha preso parte a quella di cross) ,tra l’altro parliamo di una ragazza del 1996 non di una atleta agonisticamente  parlando formata. Già in una precedente analisi abbiamo evidenziato come si tenda sempre a spremere i nostri giovani per poi ritrovarli “spenti” nel passaggio al “mondo dei grandi”. Le giovani delle altre nazioni quasi centellinano i loro appuntamenti agonistici, i nostri sono sempre alla rincorsa di gare dal livello imbarazzante e risultati che poi si rivelano per quello che sono quando il livello delle manifestazioni sale. Purtroppo l’analisi dei risultati non lascia intravedere nulla di buono, il gap dei nostri atleti aumenta anno dopo anno , forse ci sarebbe da riflettere su questo.

 

 

http://www.triathlonmania.it/triathlon/olmo-da-dimenticare-agli-europei-di-cross/

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Marathon des Sables in Perù: iniziata la gara “infernale”

250 chilometri suddivisi 6 in tappe da correre