Quando la corsa incontra il nuoto: ecco lo “SwimRun”

Quando la corsa incontra il nuoto: ecco lo “SwimRun”

- in SPORT, TRIATHLON
111
0
Fonte immagine: https://www.linkedin.com/pulse/top-5-swimrun-events-europe-calum-hudson

Immaginate il triathlon senza la frazione di ciclismo: questo è, descritto in breve, lo SwimRun, nuova multi-disciplina emergente sempre più apprezzata

Arriva dai Paesi nordici la nuova disciplina che sta riscuotendo un discreto successo anche in Italia: si chiama SwimRun e proprio nel nostro Paese il prossimo anno si terranno i mondiali di questo sport emergente, nella location di Lignano Sabbiadoro. Come funziona lo SwimRun? Si evince già dal nome, basta prendere il triathlon e levare la frazione da correre in bici… semplicità a parte, la nuova multi-disciplina unisce corsa e nuoto ma con delle differenze sostanziali: non ci sono pause fra le varie frazioni.

Questo significa che non ci si può cambiare fra una frazione di nuoto e una di corsa, e viceversa, dunque ci si trova a nuotare con le scarpe da running e a correre con l’attrezzatura da nuoto in mano. Una difficoltà in più che non sembra però aver scoraggiato gli appassionati, sempre più numerosi pure in Italia. Il mondiale verrà disputato nel Bel Paese il prossimo 16 settembre, con una prova lunga complessivamente 32 chilometri.

Fonte immagine: http://www.slowtwitch.com/Lifestyle/A_2015_Breca_SwimRun_report_5286.html

Di questi, 6,3 saranno di nuoto e 25,7 di corsa suddivisi in ben 19 frazioni totali. Il percorso sarà quello dell’Acquaticrunner, gara che già da diversi anni si disputa proprio a Lignano Sabbiadoro. Nonostante sia di recente creazione, è considerata da molti una competizione “storica” poiché è stata la prima gara di SwimRun a non essersi svolta in acque fredde. Inoltre le gare di SwimRun “originali”, ovvero quelle nordiche, si disputano in coppia, mentre l’Acquaticrunner nostrana è una gara individuale.

È già possibile iscriversi alla gara mondiale: le iscrizioni infatti sono state aperte lo scorso 25 novembre, ma i posti a disposizioni sono molto limitati; solo 250 atleti saranno ammessi al via e potranno giocarsi il titolo iridato di SwimRun, dura sfida per runner e nuotatori. Di sicuro il mondiale in Italia farà aumentare ulteriormente la popolarità di questo sport, che nel nostro Paese risulta essere già particolarmente apprezzato.

 

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Marathon des Sables in Perù: iniziata la gara “infernale”

250 chilometri suddivisi 6 in tappe da correre