Stramilano: ancora Kenya, brava la Galimberti

Stramilano: ancora Kenya, brava la Galimberti

- in RUNNING, SPORT
521
0

29 marzo 2015 – Quarantaquattresima edizione della Stramilano Half Marathon all’insegna del Kenya, con qualche bella prova in chiave azzurra. Dopo 21,097 chilometri il primo ad arrivare nell’Arena Civica Gianni Brera, oggi domenica 29 marzo, è stato il favorito della vigilia, Thomas James Lokomwa.

Già vincitore della passata edizione il corridore degli altopiani si è concesso il bis correndo in 1h00:33, pochi secondi più veloce del connazionale Kennedy Kipieko (1h00:39) andato oggi molto vicino al proprio PB (il primato della gara maschile è ancora il 59:17 realizzato da Paul Tergat nel 1998). Sul terzo gradino del podio sale però Yassine Rachik, pavese di passaporto marocchino in forza all’Atletica Cento Torri Pavia e oggi al traguardo in 1h03:11 davanti a Robert Kipkoech Kirui (1h03:37). Domenico Ricatti (Aeronautica) chiude quinto in 1h05:27, superando il ventiduenne Daniele D’Onofrio (Nuova Atletica Isernia), sesto in 1h05:38, e Giovanni Gualdi(Corrintime), settimo in 1h05:42: per lui altro piccolo miglioramento stagionale, dopo la mezza di Verona e la Roma-Ostia. Al Kenya anche la gara femminile, grazie alla scatenata Rebecca Kangogo Chesire che, in 1h08:21, migliora il proprio record personale di oltre due minuti e mezzo (precedente 1h10:45, ma ha anche 2h25:22 in maratona).

Thomas J. Lokomwa (foto Colombo/FIDAL)

Seconda è Angela Jemesunde Tanui, che ferma i cronometri a 1h09:14 davanti alla connazionaleLucy Wambui Murigi (1h11:19), argento nel 2014 a Casette di Massa nei Mondiali di corsa in montagna. l’anno scorso al traguardo in 1h10:52). Con il paese africano a monopolizzare tutte le prime cinque posizioni (seguono Hellen Jepkurgat del RFC Roma Sud in 1h11:24 e Martha Akeno in 1h13:11), la prima italiana è Sara Galimberti (Bracco Atletica), in sesta posizione con il crono di1h13:42: il miglioramento della milanese è notevole, visto che il precedente limite personale era di 1h16:50 corso a Cremona nel 2013. Ancora in chiave italiana, in ottava posizione si rivede Agnes Tschurtschenthaler (Sterzino Volksbank, 1h15:18) davanti a Federica Dal Rì (Esercito, 1h15:18) e Giovanna Epis (Forestale, 1h15:24) e Sara Brogiato (aeronautica, 1h15:32), con l’azzurra di corsa in montagna Alice Gaggi dodicesima in 1h16:01, dopo passaggi più svelti sino a due terzi di gara (35’15” al Km 10, 53’22” al Km 15): per lei, in ogni caso, un tempo che eguaglia quanto ottenuto all’esordio sulla distanza, nel 2013, a Cremona.

Rebecca Kangogo Chesire (foto Colombo /FIDAL)

In totale,  5.860 gli arrivati nella mezza maratona, ma i primi a partire, alle ore 9:00 da Piazza Duomo, sono state però le decine di migliaia di partecipanti alla Stramilano dei 50.000, la 10km non competitiva dove runners di ogni età e livello attraversano le vie più caratteristiche della città.

 

 

 

http://www.corsainmontagna.it/notizie/stramilano-ancora-kenya-brava-la-galimberti

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Attività fisica: una volta a settimana è sufficiente?

Un recente studio ha rivelato che dedicarsi all’attività