Cardiofrequenzimetro e lunghe distanze

Cardiofrequenzimetro e lunghe distanze

- in STYLE, TECH DESIGN
662
0

L’uso del cardiofrequenzimetro è molto diffuso fra i runner delle lunghe distanze. L’impressione più evidente è che l’impiego non sia tanto orientato a ottimizzare la prestazione, quanto ad avere un “amico” che possa prevenire le paurose crisi tipiche delle maratone (come, per esempio, il classico “muro della maratona“).

La tabella sottoriportata ha proprio lo scopo di dimostrare che una tale speranza è piuttosto ottimistica. I dati che seguono sono quelli di un runner poco allenato alla distanza (gara di 32,3 km circa). Per semplicità sono stati riportati ogni 5 km, ma l’analisi km per chilometro arriva agli stessi risultati.

Cardiofrequenzimetro e lunghe distanze

Frazione Tempo frazione FC_Max
1 4.47.03 163
5 4.30.05 171
10 4.30.03 172
15 4.56.02 173
20 4.44.04 174
25 4.52.06 173
28 5.32.01 172
30 6.02.02 168
31 5.34.04 168
32 5.27.09 169
33 1.36.06 173

Come si vede la crisi inizia al ventottesimo km. Si nota subito che la frequenza cardiaca diminuisce di qualche battito, ma il ritmo al km peggiora di circa 40″/km. Ciò significa che in quel momento il collo di bottiglia non è il cuore o il sistema cardiocircolatorio, bensì il sistema energetico: è finita la “benzina” e il runner va KO.

Mai come in questo esempio si deve considerare il cardiofrequenzimetro come un semplice contagiri che non dà nessun altra indicazione, né sulla marcia usata né sulla benzina rimasta.

 

 

http://www.albanesi.it/arearossa/articoli/01cardiolunghe44.htm

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Brooks Ghost 10: la corsa diventa fluida

Una corsa più stabile e fluida: è ciò