Polar M400: il computer di bordo per chi corre

Polar M400: il computer di bordo per chi corre

- in STYLE, TECH DESIGN
371
0
Fonte immagine: https://www.cnet.com/products/polar-m400/2/

Polar M400 è probabilmente il dispositivo indossabile più completo per un runner, un vero e proprio computer di bordo pensato appositamente per la corsa

Correre è senso di libertà, evasione dalla quotidianità ma anche un modo per mantenersi in forma e in salute o per appagare il proprio spirito competitivo; per questo molti runner necessitano di un supporto per poter “analizzare” la propria corsa e tenere sotto controllo diversi parametri. Da questo punto di vista la tecnologia offre un aiuto notevole e fra i dispositivi indossabili ce n’è uno ideato appositamente per i podisti: si tratta del Polar M400, un vero e proprio computer di bordo per chi pratica running.

La peculiarità di questo smartwatch è che risulta adatto sia ai podisti alle prime armi che a quelli di grande esperienza, per via dell’ampio ventaglio di funzioni che mette a disposizione. Basti pensare che lo utilizzano due runner del calibro di Domenico Ricatti e Giorgio Calcaterra, e ciò rende l’idea circa la validità del device. Il Polar M400 è dotato di cardiofrequenzimetro e Gps ed è in grado di monitorare costantemente l’attività fisica svolta nell’arco della giornata quando lo si indossa.

polar-m400-product-photos-06

Chi pensa che un simile dispositivo possa essere fin troppo invadente limitando il piacere della corsa e assoggettandolo ai freddi numeri, si sbaglia poiché tramite le impostazioni può essere settato a seconda del tipo di allenamento e di corsa da svolgere; lo si può utilizzare infatti anche solamente per registrare i dati accumulati durante la sessione di training per poi consultarli al termine della seduta. In questo modo lo smartwatch servirà solo da riscontro alle proprie sensazioni durante la corsa.

I dati immagazzinati possono essere scaricati sia tramite bluetooth che via usb, in qualunque momento e ovunque ci si trovi. Una comodità molto apprezzata da Giorgio Calcaterra, che lo utilizza in maniera “intensiva” anche per programmare i propri allenamenti. Può essere impiegato pure nel triathlon giacché è uno smartwatch impermeabile all’acqua.

Un altro punto forte è l’integrazione con il sito PolarFlow e con l’applicazione, che permette di raccogliere i dati degli allenamenti e gestirli con ancora più facilità, offrendo inoltre supporto per la programmazione delle sedute. Infine è possibile associare il device al proprio smartphone per ricevere in tempo reale sul display tutte le notifiche. Insomma, si tratta del dispositivo più completo per un runner, un computer di bordo che può diventare il miglior compagno durante gli allenamenti.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Brooks Ghost 10: la corsa diventa fluida

Una corsa più stabile e fluida: è ciò