Vantaggi e svantaggi della corsa su tapis roulant

Vantaggi e svantaggi della corsa su tapis roulant

- in RUNNING, TECH DESIGN
2281
0

Durante l’inverno, molti runners sono scoraggiati dalle basse temperature e dal meteo inclemente e vanno in cerca di alternative valide alla corsa all’aperto. Il tapis roulant può essere una soluzione per continuare ad allenarsi con regolarità anche quando fuori nevica e fa molto freddo? Possiamo affermare che il tapis roulant rappresenta un’alternativa in situazioni di emergenza ma che non può senz’altro sostituire in toto la corsa all’aperto per svariati motivi, che andremo ad analizzare.

Prima di addentrarci nell’analisi dei vantaggi e degli svantaggi della corsa su tapis roulant, è necessaria una precisazione: tali pro e contro riguardano esclusivamente i tapis roulant motorizzati, in quanto quelli magnetici si rivelano per nulla adeguati come alternativa alla corsa all’aperto. Uno dei principali svantaggi della corsa sul tapis roulant è la monotonia: l’esercizio, infatti, diventa ben presto noioso e negli allenamenti lunghi è difficile gestire la fatica soprattutto a livello mentale poiché gli stimoli esterni sono pressoché nulli.

La corsa sul tappeto motorizzato, inoltre, risulta più faticosa perché costringe il runner ad un movimento innaturale, causato proprio dal tappeto che porta il piede indietro nell’attimo in cui il corpo del corridore si spinge in avanti facendo perno sull’avampiede. Il senso di affaticamento è superiore anche perché si è portati a sollevare di più il piede durante la corsa, aumentando il lavoro per il muscolo tibiale anteriore il quale alla lunga ne risente. La notevole elasticità del tappeto, poi, può portare ad infiammazioni alle ginocchia e al tendine d’Achille, incrementando in questo caso il rischio di lesioni.

La superficie perfettamente regolare, infine, è poco allenante per le corse podistiche e inoltre gestire l’allenamento con questo tipo di attrezzo è più difficoltoso, soprattutto se parliamo di atleti esperti. Detto degli svantaggi del tapis roulant, ci si può concentrare sui vantaggi, primo fra tutti il fatto di potersi allenare anche quando i fattori climatici lo impedirebbero. Da questo punto di vista, il tapis roulant rappresenta una buona soluzione, ma alla quale è meglio affidarsi solo per limitati periodi di tempo, in quanto la corsa all’aperto è sempre da preferire.

Il tapis roulant si rivela utile non solo quando fa freddo o piove in maniera intensa, ma anche nelle giornate più calde, a patto che l’ambiente in cui è collocato il tappeto sia climatizzato in maniera adeguata. Se da un lato l’ammortizzazione eccessiva è un difetto, dall’altro è un pregio perché l’impatto sulla superficie risulta meno duro per le articolazioni in confronto al cemento e all’asfalto, i terreni più utilizzati quando si corre all’aperto. La sua regolarità, inoltre, consente di mantenere più facilmente una velocità costante, una volta prese le misure in fatto di equilibrio e ritmo.

I tappeti più moderni (e di conseguenza anche più costosi) consentono di rendere meno noioso e ripetitivo l’allenamento grazie ai programmi pre-impostati con i quali è possibile variare le sedute; modificando l’inclinazione del tappeto stesso, poi, si può simulare in modo efficace la corsa in salita (funzione utile per chi abita in località in cui prevale la pianura). Quanto alla fatica mentale, si può provare a contrastarla con la musica o con la tv. In conclusione, il tapis roulant può essere una buona soluzione per chi intende perdere peso attraverso la corsa, ma è controproducente per i runners che preparano le gare da disputare.

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

You may also like

Attività fisica: una volta a settimana è sufficiente?

Un recente studio ha rivelato che dedicarsi all’attività