Dolore al polpaccio: come intervenire

Dolore al polpaccio: come intervenire

- in WELLNESS
413
0
Fonte immagine: http://www.tantasalute.it/articolo/strappo-muscolare-al-polpaccio-tempi-di-recupero-sintomi-e-rimedi/60351/Fonte immagine: http://www.tantasalute.it/articolo/strappo-muscolare-al-polpaccio-tempi-di-recupero-sintomi-e-rimedi/60351/

Il dolore al polpaccio è un disturbo che può presentarsi con diverse intensità: vediamo come interpretare il fastidio e come intervenire a seconda dei casi

Il dolore al polpaccio può manifestarsi in modi diversi: può essere talmente intenso da impedire anche di camminare oppure lieve, senza che dia fastidio durante la corsa; nel primo caso, è importante capire se il dolore si è presentato durante lo svolgimento dell’attività fisica oppure indipendentemente da essa. Se il male è comparso durante la sessione di corsa, è probabile che vi sia una lesione di uno dei tre muscoli che compongono il polpaccio oppure addirittura del tendine d’Achille.

In questo caso, il dolore è intenso e risulta impossibile anche camminare normalmente e l’unica cosa da fare è rivolgersi con tempestività ad un medico per individuare il problema ed intervenire nel modo migliore, soprattutto nell’eventualità di una rottura del tendine. Se invece ad essersi lesionato è un muscolo (in genere il gemello mediale) è necessario l’intervento di un fisioterapista affinché la guarigione sia corretta e per evitare l’insorgenza di fibrosi.

polpaccio_massaggio

Nel caso di dolore comparso al di fuori dell’attività fisica, ci sono due possibilità: se il polpaccio è arrossato, caldo e risulta gonfio, è indispensabile una visita medica in quanto potrebbe trattarsi di flebite, ovvero infiammazione di una vena, e i tempi di guarigione sono lunghi, con necessità di cure particolarmente attente; se invece il polpaccio non è caldo né gonfio, potrebbe bastare un po’ di riposo e gli antinfiammatori. Nel caso in cui il dolore intenso persista, è necessario rivolgersi ad un medico.

Quando il disturbo si presenta come un fastidio lieve, invece, si interviene in maniera diversa, cominciando con una settimana di riposo e attività alternative come il ciclismo. In genere un po’ di stretching per il polpaccio aiuta a risolvere il problema, ma se dopo una settimana il fastidio è ancora lì, consultare un medico è la decisione più corretta. Se si tratta di semplice affaticamento, sette giorni di riposo sono di solito sufficienti per far sparire il fastidio. Può capitare che il dolore si ripresenti dopo essere scomparso non appena si ricomincia con l’attività fisica: in tal caso è necessaria un’ecografia per individuare la natura del problema ed intervenire di conseguenza, ovviamente con il supporto di specialisti.

 

Il team di RunningMania

Commenti

commenti

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Quell’incubo chiamato periostite

L’infiammazione del periostio è sgradevole e dolorosa. Scopriamo